ITALIANI A MONACO | domenica 31 agosto 2014 02:13

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Ricerca

ITALIANI A MONACO | domenica 27 maggio 2012, 23:25

Cristiano Chiavegato più di 40 anni di Formula Uno. Intervista a Montecarlo (2a parte)

Condividi |  

E' "il decano" dei giornalisti italiani a seguire la Formula Uno in giro per il mondo. Lo abbiamo intervistato in questo 70° Grand Prix

- Ho inziato a lavorare per La Stampa quando è mancato mio papà. Avevo 17 anni, all'epoca facevo gare di nuoto. E mi chiesero "Vuoi mica venire a lavorare alla Stampa"? Ero un ragazzino e ho accettato subito - Ci parla dei suoi inizi di carriera, Cristiano Chiavegato, mitico giornalista sportivo di Torino, de La Stampa e oggi collaboratore del Messaggero.

Lo conosciamo qui a Montecarlo, in questo 70° Grand Prix. I colleghi più giovani lo chiamano "il decano", seguono da anni la Formula Uno tutti insieme. Sono una bella squadra e anche se Chiavegato è il più anziano, tiene testa agli altri sgallettati (come Delfino, Mancini o Mensurati) che gli fanno non pochi scherzi da camerata. Ma non vi raccontiamo quali.

Nel piccolo Principato scopriamo che la Formula Uno è anche questo: nel dietro le quinte emerge un "garnde famiglia" fatta di storie, ricordi, esperienze condivise tra team, giornalisti, piloti. Qui non c'è solo la fredda cronanca, punteggi, giri. C'è la vita di chi ha fatto del mondo della F1 la propria casa.

- Per i primi 6 mesi ho fatto il fattorino - prosegue il decano - facevo il fattorino a Giulio de Benedetti, in bicicletta. Mi stavo diplomando e scrivevo biografie di persone che stavano per morire. Poi passai ad accuparmi degli spettacoli e mi ricordo le interviste a Françoise Hardy, Sylvie Vartan, Hallyday... -

E come sei approdato alla Formula Uno?

- Mi chiamò la Gazzetta dello Sport per una collaborazione da Torino. Il capo dello sport de La Stampa, vide che avevo tante notizie di sport. E sono passato ad occuparmene anche per La Stampa. I miei primi servizi furono sui giochi Olimpici, l'automobilismo venne in seguito, ricordo le prime gare di endurance ed i Rally, era il periodo della Lancia -

Il tuo primo Gran Premio di Montecarlo, lo ricordi?

- Nel '71 vidi la mia prima gara di Formula 1 a Montecarlo, vinse Jackie Stewart. Mi appassionai. Nel '72, l'anno dopo, ero con l'inviato "giornalista titolare" del GP. Lui stava all'Hotel de Paris io in una pensioncina di Ventimgila o Bordighera. Lo seguivo. E quell'anno mi mandò in pista, dietro le reti. Pioveva quel giorno, che dio la mandava. Ogni volta che passava una macchina, mi spruzzava in faccia l'acqua. Lo ricorderò per sempre. Vinse Beltoise, con la BRM -

E poi l'escalation: dal 1977 Chiavegato, con La Stampa, seguirà tutti i Grand Prix. Il  Montecarlo che lo ha più colpito è quello dell'anno 1984.

- Perchè c'era Senna con la Toleman. Era un team piccolo, con pochi mezzi, che seguiva Prost che era in testa. Il direttore di gara era il belga Jacky Ickx. Pioveva e al 31° giro Prost faceva il segno di interrompere la corsa. Senna però stava compiendo il miracolo di un grande recupero di 2/3 secondi al giro. Quando fu interrotta la gara, Senna era furioso. E qui ebbe inizio la storica rivalità tra i due, tra lettere alla federazione, minacce di rititi, polemiche... -

Chiavegato ha vissuto i 21 anni della Ferrari senza titoli. Fino al 2000, quando Schumi, rompe l'astinenza Ferrari.

- Monaco è una bella palestra per i piloti. Chi guida bene a Monaco, dimostra di avere talento, feeling con la macchina e anche classe. Penso a Ceccotto che ha vinto il GP2, è la prima gara che vince. Il circuito di Montecarlo ha fatto emergere molti piloti. Gente come Maldonado e ha fatto risorgere un po' Massa. Qui emerge il plota-

Il GP di Monaco come è cambiato negli anni?


- E' sempre stato un GP particolare per la sua natura. Bisogna dire che nel Principato hanno lavorato sempre benissimo. Per gli incidenti, a Monaco, hanno fatto un lavoro per la sicurezza straordinario. Questa è una corsa che piace alla gente. E a Montecarlo vincono sempre i campioni del mondo -

E difetti, di questa Montecarlo perfetta, non ce ne sono?

- E' uno dei circuiti piu blindati. Sei in una gabbia, ma certo anche per motivi di territorio, ci si può muovere poco. E certo, i tempi cambiati. Oggi nel mondo globalizzato i contatti con le persone, i contatti, si sono persi. Ora se vuoi un'intervista con un pilota, passi per l "addetto stampa". Figuriamoci avere il suo cellulare. Una volta eravamo noi, 20 piloti e si faceva cena tutti assieme. Ricordo i tortellini fatti in casa, a Imola. Nessuno oggi chiama Schumacher o Aonoso o Vettel, salvo rare eccezioni. Non c'è piu contatto. In F1 ci si prenota "one to one". Se si vuole un'intervista per Montecarlo ci si deve prenotare a Gennaio -

Ogni tanto ci torni a Montecarlo? Anche senza dover seguire il GP?  

- Vengo per incontrare amici, faccio un giro, vado al Cafe de Paris...prendendo poca roba, perchè costa caro, un'entrecot o un'insalata. Ammiro, di Monaco, l'ordine a la pulizia. La cura di tutto. Dagli acensori, alle toilette è tutto, in apparenza, perfetto. Poi c'è l'aspetto contrario: ovvero il mondo troppo "dorato". Vedi in strada, 30 Ferrari, 20 Jaguar, Bentely cabrio...e alla guida, magari, ragazze di 20 anni. Generalmente bionde. E questa è un poì l'impressione che fa pensare "Qui tutto è possibile". Ma a me non crea invidia. Anzi. Sotto certi aspetti, alcune situazioni mia rattristano -

Ultima domanda: che ricordo hai di Grace e Ranieri?

- I ricordi ci sono grazie alla Philip Morris, allora, che organizzava il gala allo Sporting. E potevamo avere una frequentazione della noblesse locale. I ricordi di Grace e Ranieri...ho solo quelli del palco. Faccia austera, un po', di Ranieri. E il magnifico sorriso di Grace. Con i bambini: le piccole Stephanie e Caroline e Alberto

Sara Contestabile

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore