ITALIANI A MONACO | mercoledì 03 settembre 2014 01:38

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Ricerca

ITALIANI A MONACO | lunedì 04 giugno 2012, 07:00

Vittorio Sgarbi: «Montecarlo potrebbe essere la vetrina artistica e musicale dell'Italia»

Condividi |  

Ospite alla Festa della Repubblica organizzata a Montecarlo, il più celebre critico d'arte italiano ha parlato del legame culturale italo-monegasco

Vittorio Sgarbi ha riscosso senza dubbio grande successo alla Festa della Repubblica Italiana a Montecarlo. Chi per una foto, chi per uno scambio di battute, Sgarbi è stato al centro dell'attenzione di molti ammiratori (ammiratrici soprattutto) che hanno anche approfittato della serata organizzata dall'Ambasciata italiana, per intrattenersi con il noto critico d'arte. Con Montecarlonews, Vittorio Sgarbi si è soffermato sul legame culturale tra il Principato di Monaco e l'Italia, analizzando le prospettive e gli sviluppi di una futura collaborazione tra i due Paesi.

In che modo può crescere ed essere sviluppato, secondo lei, il rapporto culturale tra Italia e Principato di Monaco?

Credo che ci possa essere uno scambio di attività espositive tra l'Italia ed il Principato così come avviene nell'antiquariato con Sarti ed altri che hanno qui un loro presidio. Forse la vicinanza tra i due Stati non l'ha mai fatto comprendere a sufficienza. Questa vicinanza probabilmente ha fatto pensare che non sia necessario. Non è mai stato fatto abbastanza, invece credo che si potrebbe fare un'esposizione di arte italiana. Sarebbe una cosa opportuna creare una stagione stabile di mostre di arte italiana a Montecarlo, soprattutto alla luce dei problemi che ci sono in Italia.

La Francia è più capace di noi a stringere rapporti con il Principato di Monaco? 

Non so come siano i rapporti franco-monegaschi ma sono sicuramente più stretti. La lontananza di Parigi rende più urgente la necessità dei stringere certi rapporti. Ma anche da parte italiana, ci sono le premesse per fare molto.

E che ruolo potrebbe giocare il Principato per il Bel Paese?

Montecarlo potrebbe assumere una parte del ruolo di Milano che con il nuovo sindaco ed il nuovo assessore è rimasta molto ferma sul piano delle attività espositive. Bisognerà vedere se ci sarà qualcuno che vorrà fare questo collegamento italo-monegasco. Magari l'ambasciatore potrebbe assumere questo ruolo, gliene parlerò anche io.

Per esempio?

Si possono inventare delle cose, anche se è prematuro parlare di contenuti. Il Principato di Monaco potrebbe diventare una vetrina dell'Italia, sia a livello artistico che a livello musicale. Potrebbe assolvere alle funzioni di Venezia e Milano che, in rapporto alle loro potenzialità, fanno meno di ciò che potrebbero fare.

Come mai Vittorio Sgarbi ha partecipato alla Festa della Repubblica a Montecarlo?

Sono stato invitato dall'Ambasciatore Antonio Morabito. È stato bravo a fare in modo che, anche a Montecarlo, l'Italia riuscisse a mettersi in evidenza: bravo Morabito!

Mattia Rossi, Sara Contestabile

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore