SPORT | mercoledì 23 aprile 2014 19:16

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Ricerca

SPORT | venerdì 10 agosto 2012, 11:29

Jean-Pierre Rivère, presidente del Nizza: «Sarà una stagione cerniera»

Condividi |  

Il numero 1 del club rossonero ha analizzato i futuri cambiamenti che attendono il calcio nizzardo

Alla presidenza dell'OGC Nice da poco più di un anno, Jean-Pierre Rivère, nel corso della presentazione della squadra, ha ricordato l'importanza di questa stagione che per il club rossonero sarà l'ultima allo Stade du Ray.

«Innanzitutto volevo ringraziare il sindaco Christian Estrosi per questa giornata e, tornando indietro di qualche mese, il mio ringraziamento va anche a tutti quelli che hanno sostenuto il club nella scorsa, difficile stagione perchè senza di loro oggi non saremo qui».

«La prossima stagione sarà una stagione cerniera: l'ultima allo Stade du Ray, prima del “trasferimento” nel nuovo stadio. Tutti siamo attaccati sentimentalmente al Ray e visto che è l'ultimo anno in cui vi giocheremo cerchiamo di assistere numerosi alle partite. Sarà una stagione cerniera perchè passeremo verso un altro mondo. Oggi senza infrastrutture sportive non si può crescere ed ho fiducia nel progetto che sta preparando il nostro sindaco poiché avremo delle infrastrutture degne di una grande società».

«So che qualcuno ha temuto che l'identità nizzarda andasse smarrita con il nome del nuovo impianto (Allianz Riviera) ma garantisco che l'identità nizzarda non la perderemo e preannuncio che i prezzi non cresceranno perchè noi vogliamo vedere uno stadio a carattere popolare, a cui possano accedere tutti».

«Capisco che qualcuno non abbia digerito bene la denominazione dello stadio ma bisogna guardare il lato positivo: Allianz ha fatto un grande investimento, preferendo Nizza piuttosto che altre città francesi. Per quanto riguarda il nome Riviera, credo sia importante sottolineare il carattere internazionale della nostra zona, conosciuta in tutto il mondo. Dobbiamo aprirci verso l'esterno, non dimenticando comunque il resto delle regione perchè, come mi ha confermato uno sponsor, buona parte degli appassionati del Var tifa per il Nizza».

«Per la stagione che sta per cominciare, non possiamo chiedere miracoli a Puel. Tutti si aspettano che il Nizza migliori ma sarà necessario avere un po' di pazienza. Stiamo comunque intraprendendo la strada giusta per vedere cresce il club. Guardiamo dunque avanti, accettando i cambiamenti, La nostra squadra dovrà essere attraente e l'obiettivo della dirigenza sarà farla crescere nel rispetto delle capacità finanziarie, ancor di più in un momento di crisi come quello che si sta attraversando ora in tutto il mondo».

Nelle prossime ore pubblicheremo anche l'intervento di Christian Estrosi.

Mattia Rossi

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore