/ Altre notizie

Che tempo fa

Cerca nel web

Altre notizie | martedì 22 novembre 2016, 07:11

Rilanciare l’immagine turistica di Nizza dopo la tragica estate 2016, studenti sanremesi al lavoro con l'Office du Tourisme

Un progetto dell'Università ‘Sophia Antipolis’ che prevede la realizzazione di un video promozionale e interviste ai residenti.

Nizza sta cercando di tornare alla normalità dopo il dramma della scorsa estate. L’immagine turistica e la normale quotidianità della principale città della Costa Azzurra sono state distrutte da quel camion che si è schiantato sulla folla della Promenade in una serata di festa. L’Università ‘Sophia Antipolis’ di Nizza sta portando avanti un progetto turistico promozionale per rilanciare l’immagine di Nizza nel panorama turistico internazionale. E un gruppo di ragazzi sanremesi, studenti dell’ateneo nizzardo, ne sono gli autori.

Giorgia AmadeoFrancesca D’Auria e Luca Pignotti, tutti ventenni, stanno lavorando in collaborazione con l'Office du Tourisme. Con loro anche Florian Scarpa (24 anni), un ragazzo italo francese. Sono tutti studenti di Lingue Straniere Applicate e ci raccontano: “Abbiamo deciso di montare un video per mettere in mostra le tante bellezze di Nizza, per valorizzare al meglio l’aspetto cosmopolita della città anche attraverso gli occhi degli studenti. Abbiamo chiesto e ottenuto appoggio all’Ufficio Turistico di Nizza. Non abbiamo né finanziamenti né materiale, ma si tratta solamente di un progetto di studioCon una macchina fotografica abbiamo girato alcuni video in centro – ci spiegano – intervistando le persone del posto e chiedendo loro un’opinione sulla città. Noi di Sanremo ci occuperemo anche della traduzione delle interviste”.

Tra esami e lezioni il gruppo di lavoro ha anche trovato il modo di mettersi in contatto con noi per spiegarci al meglio il progetto e per mettere in mostra (giustamente) il grande lavoro che tre ragazzi di Sanremo stanno portando avanti per l’università di Nizza. Ora attendiamo di vedere il lavoro finito. La rinascita di Nizza parte anche (e soprattutto) dalle giovani generazioni, poco importa se italiane, francesi o di qualche altra parte del mondo.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore