/ Business

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Business | mercoledì 28 dicembre 2016, 11:00

I commercianti di Rue Massena scrivono a Babbo Natale per denunciare i cali nel commercio dopo l'attentato a Nizza

Tutte misure utili, destinate a creare ricadute positive, a condizione che i flussi dei turisti tornino ad essere quelli di prima dell’attentato

I commercianti di Rue Massena hanno indirizzato una pubblica lettera a Babbo Natale (… e al Sindaco di Nizza, al Presidente della Città Metropolitana ed a quello del Dipartimento) nella quale lamentano il calo di ricavi successivo all’attentato del 14 luglio.

Per i negozi che si affacciano sulla zone pietonne l’attentato ha creato un calo secco nel volume di  affari

Valutato nel 22% nel mese di settembre e nel 31% in quello di novembre, con il mese di dicembre definito “caotico”.

Chiedono interventi economici sul tipo di quelli assicurati ai loro colleghi della Promenade des Anglais, che poi è la prima parallela alla pietonne.

Un albergatore stima di chiudere il 2016 con una ricavo inferiore di  154.000 rispetto all’anno precedente e sottolinea come sia stato costretto a diminuire il personale di dieci unità rispetto alle 21 che aveva alle dipendenze prima di luglio 2016.

I commercianti chiedono pure interventi di miglioramento della strada e di ammodernamento.

Pronta la risposta del Sindaco Philippe Pradal e del Presidente della Città Metropolitana Christian Estrosi che ricordano le risorse messe in bilancio per venire incontro ai commercianti in questo momento di grave crisi.

Tra queste un aiuto intorno ai 250.000 euro sotto forma di prestito garantito al 70% dalla Regione e dal sistema bancario ed anche la possibilità di accedere ad altre forme di prestito a tasso zero.

Presto partiranno poi lavori lungo la pietonne: dalla sistemazione di dissuasori al miglioramento d’insieme sul tipo di quello appena ultimato nell’adiacente Rue Paradise ed anche la creazione di un’area verde e l’ammodernamento della pubblica illuminazione .

Tutte misure utili, destinate a creare ricadute positive, a condizione che i flussi dei turisti  tornino ad essere  quelli di prima dell’attentato.

B.T.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore