/ Business

In Breve

giovedì 17 agosto
domenica 13 agosto
giovedì 03 agosto
mercoledì 02 agosto
domenica 30 luglio
mercoledì 26 luglio
sabato 22 luglio
martedì 18 luglio
domenica 16 luglio
sabato 15 luglio

Che tempo fa

Cerca nel web

Business | sabato 05 agosto 2017, 08:00

Porti in crisi, meno assunti, più tasse: Estrosi (Métropole Nice Côte d'Azur), Muselier (PACA) e Falco (Toulon Provence Méditeranée) scrivono al Presidente Macron

“Un pieno di gasolio per uno yacht di 42 metri, rispetto all’Italia, costa 21mila euro in più, mentre il carico previdenziale per un equipaggio di 7 persone in Francia si aggira intorno ai 300mila euro”

Porto, Nizza

I porti del Sud Est della Francia rischiano una pesante crisi.

Quest’anno, se i dati verranno confermati, nel solo dipartimento delle Alpi Marittime il 50% in meno, con il porto “emblematico” di Saint Tropez a registrare un meno 30%, mentre la rada di Tolone segna un meno 40% e tutta la Regione del Paca ha perso il 50%.

Così il Presidente della Regione PACA Renaud Muselier, quello della Città Metropolitana di Nizza Christian Estrosi e il suo collega Hubert Falco, Presidente di Toulon Provence Méditeranée, hanno scritto al Presidente della Repubblica Emmanuel Macron chiedendo un urgente intervento legislativo.

Sotto accusa la fiscalità, che in Francia è più cara rispetto all’Italia e alla Spagna, che stanno sbaragliando la concorrenza transalpina relativamente al settore del diporto.

Nella lettera vengono fatti alcuni esempi: un pieno di gasolio per uno yacht di 42 metri, rispetto all’Italia, in Francia costa 21mila euro in più, mentre il carico previdenziale per un equipaggio di 7 persone in Francia si aggira intorno ai 300mila euro.

Cifre queste che si riflettono immediatamente sull’occupazione diretta e indiretta. Oltre tutto, indicano nella lettera i tre presidenti, sono sempre meno i marittimi francesi occupati. Il non essere francese, sostengono nella missiva inoltrata a Macron, diviene, al momento dell’assunzione, l’elemento discriminante.

Difficoltà anche per la cantieristica, con il “lavoro” che emigra verso altre Nazioni, con la Spagna in prima fila.

La lettera, inserita al fondo di questo articolo nel testo integrale, si conclude con una pressante richiesta di intervento da parte del governo francese a difesa di una filiera di eccellenza che genera 900mila euro in volume di affari sul solo territorio regionale.

Files:
 Situazione economica filiera yachting  (379 kB)

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore