/ Altre notizie

Che tempo fa

Cerca nel web

Altre notizie | giovedì 07 dicembre 2017, 07:00

Oltre 350 passeurs arrestati, con 50mila respingimenti: il Prefetto di Nizza fa il bilancio di un anno difficile alla frontiera di Ventimiglia

La questione “passeurs” è seguita con particolare attenzione dalle autorità francesi: non solo per gli effetti che comporta, quanto per analizzare i flussi ed anche per contrastare due fenomeni implicitamente collegati, quello della criminalità organizzata e del flusso di denaro

Georges-François Leclerc, Prefetto delle Alpi Marittime

A fine anno è tempo di bilanci e il Prefetto delle Alpi Marittime Georges-François Leclerc non si è sottratto a questo rito con un’intervista rilasciata al canale televisivo  France Bleu Azur, uno dei più seguiti nel Sud Est francese.

Argomento centrale quello dell’immigrazione clandestina che caratterizza la frontiera con l’Italia. Numeri che il prefetto definisce “importanti”: se nel 2016 furono 37mila i respingimenti (definiti, eufemisticamente, nell’intervista “non ammissioni”), quest’anno il numero andrà a fissarsi intorno ai 50mila. Con un fenomeno collegato in forte crescita, quello dei passeurs: ne sono stati giudicati oltre 350 dal Tribunale di Nizza che, sulla base della normativa in vigore, ha comminato pene molto severe  che vanno da quattro mesi a tre anni di prigione “ferme”, cioè con restringimento in carcere.

La questione “passeurs” è seguita con particolare attenzione dalle autorità francesi: non solo per gli effetti che comporta, quanto per analizzare i flussi ed anche per contrastare due fenomeni implicitamente collegati, quello della criminalità organizzata e del flusso di denaro.

I tentativi di immigrazione non autorizzata, negli ultimi tempi, secondo Georges-François Leclerc, vedono il consolidamento delle presenze tunisine: è in crescita sia il numero delle persone provenienti dal quel Paese del  Nord Africa che cercano di entrare in Francia attraverso Ventimiglia, sia il numero di passeurs tunisini.

Dopo l’estate gli arrivi dalla Tunisia sono cresciuti in modo notevole con tentativi di “passaggio” in Francia a piedi  utilizzando i sentieri montani, ma anche la stessa autostrada con notevoli rischi, ma, per fortuna, fino ad ora solo sporadici incidenti. Privilegiati anche il treno e le auto che restano il mezzo di trasporto più utilizzato.

Ottima, secondo il Prefetto, la collaborazione con le autorità italiane che, nel 98% dei casi, non hanno contestato i provvedimenti di respingimenti oltre frontiera.

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore