/ Business

Business | 19 aprile 2018, 07:00

Italiani: venite in Costa Azzurra …in automobile!

Oggi 700mila mail verranno spedite verso l’Italia per pubblicizzare la Costa Azzurra. Lo sciopero dei ferrovieri francesi fa correre ai ripari e riscoprire l’automobile

Italiani: venite in Costa Azzurra …in automobile!

Meglio prevenire che poi doversi leccare le ferite: lo sciopero dei ferrovieri francesi, che potrebbe durare per tutta la primavera, sta mettendo a rischio le presenze in Costa Azzurra soprattutto della clientela francese che rappresenta quasi il 48% degli oltre 11 milioni di persone che annualmente giungono nel Sud Est francese per le proprie vacanze.

Abbandonato il treno, il Comité Régional du Tourisme riscopre l’automobile e quindi indirizza la propria azione di pubblicità verso tre Paesi confinanti dai quali è possibile raggiungere la Costa Azzurra con le quattro ruote o con l’aereo. Inizierà a giorni una massiccia campagna di pubblicità e d’informazione nei confronti dell’Italia, della Svizzera e della Germania.

Con un occhio di riguardo all’Italia che sarà in testa all’investimento anche perché il mercato italiano rappresenta il 50% dell’investimento stanziato dal CRT per questa campagna che è a metà strada dall’iniziativa emergenziale e quella di prospettiva.

Oggi, 19 aprile, verrà inviata a 700mila persone una newsletter che giungerà alla vigilia dei grandi week end italiani (25 aprile e 1° maggio).

Il marchio Côte d’Azur France promuoverà, attraverso un’iniziativa che coinvolgerà tutti i mass media, le principali destinazioni: Antibes, Grasse, Menton, Mandelieu e Nizza.

Una campagna, quella di #CotedAzurFrance, mirata che trova giustificazione anche in un dato appena reso noto: nello scorso mese di marzo le prenotazioni alberghiere da parte dei turisti stranieri che giungono in areo è aumentata del 10%.

Poi c’è sempre l’automobile: inquinerà, creerà problemi di sosta e di circolazione, ma lo sciopero dei ferrovieri induce a cambiare molti atteggiamenti: à la guerre comme à la guerre.

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium