/ Altre notizie

Che tempo fa

Cerca nel web

Altre notizie | mercoledì 13 giugno 2018, 17:00

Una mostra senza pari: il viaggio artistico al Polygone Riviera continua con i carrelli e gli stivali giganti di Lilian Bourgeat

12 opere di Lilian Bourgeat, due delle quali messe a punto per l'occasione, verranno esposte dal Polygone Riviera dal 19 giugno al 14 ottobre 2018

Opera di Lilian Bourgeat

Il quarto capitolo dell'esposizione artistica al Polygone Riviera è organizzato dal 19 giugno al 14 ottobre 2018. L'esposizione dell'artista francese Lilian Bourgeat presenta un insieme eccezionale di una dozzina di sculture di oggetti "aumentati" che fanno precipitare nel mondo "des mesures". Due nuove opere intitolate "Mètre" e "Banc Public" sono state create per l'occasione. "Io cerco l'oggetto banale, nascosto nella vita di tutti i giorni, non qualcosa di spettacolare." afferma l'autore. 

Polygone Riviera, primo centro commerciale all'aria aperta in Francia, appartiene al gruppo Unibail-Rodamco ed è stato inaugurato alla fine del 2015 a Cagnes-sur-Mer. Oltre ad essere un luogo nato per lo shopping, esso ha numerosi spazi per i divertimenti, che lo rendono un polo culturale unico.

Dopo un secondo appuntamento dedicato alla presentazione di un insieme eccezionale di sculture di Joan Mirò, realizzato grazie all'accordo con la Fondation Maeght de Saint-Paul-de-Vence (associazione culturale della regione) e un'esposizione di opere di Philippe Ramette, che ha avuto luogo durante l'estate 2017, quest'esplorazione della scena artistica francese continua  con una mostra di opere di un altro grande artista degli ultimi tempi: Lilion Bourgeat. Dal suo debutto negli anni 2000, Lilian Bourgeat è conosciuto per la sua capacità di ingrandire oggetti del nostro quotidiano: stivali, carriole, tavoli, appendiabiti, carrelli del supermercato... Lo spettatore, sorpreso di questa amplificazione del reale, si ritrova davanti a un mondo tanto familiare quanto sconcertante di oggetti utilizzabili solo da un popolo di giganti. Creando un'atmosfera che ricorda quella descritta nei "Viaggi di Gulliver" adattata all'era odierna, le opere di Lilian Bourgeat avvicinano il pubblico ad esperienze singolari. L'artista stupisce gli spettatori con cambiamenti che privano gli oggetti presentati della loro funzione originale, facendoli vagare in un altro universo, quello dello straordinario. Tale mostra è come una porta aperta su un mondo immaginario: le opere proposte sono al limite della fantascienza, pur essendo simili ad oggetti della nostra realtà.  

CS

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore