/ Altre notizie

Altre notizie | 24 luglio 2018, 19:00

Troppi furti di biciclette, in Francia corrono ai ripari

Un provvedimento dovrebbe essere varato a settembre per classificare le bici e creare una banca dati

Troppi furti di biciclette, in Francia corrono ai ripari

La bicicletta rappresenta sempre più l’alternativa all’automobile per rendere meno caotico e inquinante il traffico cittadino. Con un “ma”: in Francia oltre 400 mila biciclette vengono rubate ogni anno, oltre mille ogni giorno.

Quella dei furti di bicicletta, secondo le associazioni che riuniscono quanti le producono e commercializzano, rappresenta il maggior freno al mercato. Pare che metà dei ciclisti che hanno subito un furto non acquisti più una bicicletta nuova o addirittura rinunci alla due ruote.

Così il governo francese, a partire dal mese di settembre, intenderebbe correre ai ripari prevedendo l’obbligo, per chi fabbrica le biciclette, di classificarle con un numero stampato a fuoco sul ciclo e inserito in  una banca dati.

Un provvedimento che potrebbe mettere un freno ai tanti furti e dare respiro ad un settore che sembra in  difficoltà proprio per la facilità con la quale le biciclette rubate possono essere reintrodotte sul mercato dell’usato.

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium