/ Sport

Sport | martedì 16 ottobre 2018, 20:41

Possibili novità in arrivo per la Formula1 : Potrebbe ritornare il gran premio degli Stati Uniti d’America Ovest

Il soprannome è dovuto alle caratteristiche tecniche del circuito molto simile a quello di Montecarlo.

Possibili novità in arrivo per la Formula1 : Potrebbe ritornare il gran premio degli Stati Uniti d’America Ovest

La notizia è di quelle che fanno tremare gli appassionati di Formula1: si ipotizza il ritorno del Gran Premio degli Stati Uniti d’America Ovest, esattamente nella pista che fin dalla sua nascita è stata denominata la “Montecarlo degli Stati Uniti”. Il soprannome è dovuto alle caratteristiche tecniche del circuito molto simile a quello di Montecarlo.

La storia del Gran Premio di Long Beach

Il circuito si trova in una cittadina della California e in particolare a Long Beach, sobborgo di Los Angeles, stato utilizzato per la Formula 1 dal 1976 al 1983. L’accordo iniziale con i gestori della pista prevedeva proprio un contratto di 8 anni. Gli esordi però non furono dei più felici perché non ci fu il ritorno economico previsto. Da allora le condizioni economiche furono sempre un po’ precarie, nonostante gli accordi con la CBS per la trasmissione televisiva della gara e con la Toyota. Ad aggravare la situazione vi fu nel 1980, a poche settimane dalla gara, un forte temporale che portò danni alla pista. Leggermente più fortunato fu il 1981 perché uscì dal calendario il GP del Sudafrica e venne inserita come prima gara proprio il GP di Long Beach. Si riuscì a completare le gare fino al 1983, successivamente il circuito paragonato a quello di Montecarlo fu adibito ad altri usi. Per quanto riguarda le vittorie resta da segnalare l’esordio vincente su questa pista della Ferrari che nel 1976 con Clay Regazzoni ottenne il primo posto e Niki Lauda il secondo posto. Nel 1978 la vittoria fu un’altra volta targata Ferrari, ma questa volta con Carlo Reutemann. Un altro ricordo piacevole fu la vittoria di Gilles Villeneuve nel 1979.

Perché si potrebbe di nuovo correre la “Montecarlo degli Stati Uniti

Tornando ai giorni nostri. Nel 2018 è in scadenza il contratto per la Indycar che si svolge sul circuito Long Beach e sembra che il consiglio comunale della cittadina stia valutando l’ipotesi di continuare ad ospitare le gare della Indycar oppure tentare di nuovo di inserire la gara paragonata, per lo scenario, al Gran Premio di Monaco nel calendario della Formula 1. L’ipotesi non è puramente utopistica in quanto Grand Prix Association of Long Beach e la World Automobile Championship of California già nel 2016 hanno presentato due proposte per il ritorno della Formula 1 nel circuito di Long Beach. Per personale delle squadre, meccanici, ingegneri, piloti e anche semplici appassionati questa grande novità richiede l’uso dell’ESTA https://www.application-esta.us, cioè l’autorizzazione al viaggio di cui bisogna munirsi prima della partenza affinché sia possibile l’ingresso negli Stati Uniti D’America. Sicuramente un piccolo onere rispetto alle emozioni che si possono provare in un circuito finora poco usato per la Formula 1 e comunque usato in tempi in cui la tecnologia delle auto di certo non era agli odierni livelli. Attualmente il GP di Monaco è considerato uno dei percorsi più emozionanti in calendario perché l’unico che si svolge all’interno di una città, su percorsi urbani quotidianamente utilizzati, emozioni che potrebbero essere duplicate con il GP di Long Beach. Perché perderle?

IP

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore