/ Altre notizie

Altre notizie | martedì 06 novembre 2018, 07:21

Il Principato di Monaco sempre più 'green': acquistati 8 parchi fotovoltaici per produrre energia solare

"Se siamo interessati oggi allo sviluppo di impianti fotovoltaici, stiamo anche pensando alla possibilità di integrare energia idroelettrica, biogas ed eolico per controllare i nostri costi di approvvigionamento energetico".

I pannelli solari sulla Scuola di Révoires

I pannelli solari sulla Scuola di Révoires

La politica energetica e climatica del Principato mira a raggiungere la fine dell’utilizzo di combustibili fossili entro il 2050. Per questo, il Governo monegasco sta lavorando per ridurre il consumo di energia e aumentare la quota di energie rinnovabili.

Su quest'ultimo obiettivo, il Principato persegue una politica attiva di sviluppo solare, con sussidi per l'installazione di pannelli solari fotovoltaici e termici e la messa online, nel giugno 2017, di un catasto solare che consente a proprietari e proprietari inquilini per identificare le capacità di produzione di energia solare fotovoltaica del loro tetto. Ora il governo di Monaco e la società monegasca di elettricità e gas  hanno unito le loro competenze con la creazione, alla fine del 2017, di Monaco Energie rinnovabili (Mer). La missione dell'azienda è di cercare opportunità di investimento e sviluppo in progetti di energie rinnovabili all'estero.

In linea con questo obiettivo, Monaco Energies Renewables ha appena acquistato otto parchi fotovoltaici per una capacità produttiva di 39 MW, distribuiti in sette dipartimenti nel Sud della Francia. "M.E.R. L'obiettivo è che Monaco diventi uno dei primi stati ad avere una capacità di produzione di elettricità verde al 100%, equivalente al consumo del suo territorio - sottolinea Marie-Pierre Gramaglia, Consigliere del Governo-Ministro degli Impianti, del Ambiente e Urbanismo – e, se siamo interessati oggi allo sviluppo di impianti fotovoltaici, stiamo anche pensando alla possibilità di integrare energia idroelettrica, biogas ed eolico per controllare i nostri costi di approvvigionamento energetico".

Questi siti acquisiti ammontavano a 46.000 Mw all’anno, pari a circa il 9% del consumo di elettricità del Principato di Monaco. Thomas Battaglione, Managing Director di SMEG e Managing Director di M.E.R. afferma: "SMEG, in qualità di operatore energetico e operatore, affianca lo Stato di Monaco per fornire la sua esperienza nel settore delle energie rinnovabili, identificare le migliori opportunità di sviluppo e garantire le migliori efficienze operative possibili".

Intanto, sempre in tema di fotovoltaico, Marie-Pierre Gramaglia, Ministro del governo, ha visitato ieri mattina sul tetto della Scuola di Révoires i pannelli solari installati dal servizio di manutenzione di edifici pubblici. Sono stati posati 161 metri quadri di pannelli fotovoltaici, su un tetto che ha una doppia esposizione nord-ovest e sud-est.

Uno schermo posizionato nella sala della scuola permetterà agli studenti di visualizzare la produzione istantanea, il cumulo e la CO2 evitati. La produzione media annua sarà di 32.000 kWh e coprirà circa il 15% del fabbisogno annuale dello stabilimento. Saranno così evitate 2,6 tonnellate di carburanti fossili equivalenti all'anno.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore