/ Monaco

Che tempo fa

Cerca nel web

Monaco | martedì 06 novembre 2018, 17:00

Sono almeno 12 le cernie infettate da un virus nella baia di Monaco

Il virus in questione non è trasmissibile agli esseri umani. I pesci infettati possono presentare gonfiore della vescica natatoria, occhi danneggiati, occhi vitrei e cattive condizioni della pelle

Sono almeno 12 le cernie infettate da un virus nella baia di Monaco

Dall'inizio di ottobre, le segnalazioni di cernie marroni morte o moribonde si sono moltiplicate nella baia di Monaco. Circa una dozzina sono i casi registrati dalla direzione dell'Ambiente.

La cernia marrone è una specie protetta nel Principato, il cui monitoraggio e conteggio è stato fornito negli ultimi dieci anni in collaborazione con il Grouper Expert Group (GEM).

La cernia marrone è una specie protetta nel Principato, il cui monitoraggio e conteggio sono
negli ultimi dieci anni in collaborazione con il gruppo di esperti su
Cernie (GEM).

Per determinare le cause di queste mortalità, sono stati analizzati tre campioni di cernia, la settimana scorsa.

Sintomi e primi risultati fanno pensare ad un'infezione virale che era già stata osservata in passato, spesso nel Mediterraneo (Creta, Libia, Malta, Corsica ...).

Dal 1979 ad oggi sono state riportate osservazioni sulla mortalità tra i mesi di luglio e ottobre. Secondo le osservazioni, il virus ha iniziato a svilupparsi lungo la costa meridionale prima di raggiungere il nord del Mediterraneo.

Uno dei fattori basilari, che causano il proliferare del virus, è la temperatura delle acque. La maggior parte delle cernie trovate morte erano tra i 30 e gli 80 cm di altezza.

Il virus in questione non è trasmissibile agli esseri umani. I pesci infettati possono presentare gonfiore della vescica natatoria, occhi danneggiati, occhi vitrei e cattive condizioni della pelle.

Per qualsiasi cernia morta o moribonda, è richiesto di informare la Direzione dell'ambiente al numero 98.98.83.41 o la direzione degli affari marittimi  chiamando il 98.98.22.80, per garantire la presa in cura dell'animale.

Per Informazioni: environnement@gouv.mc

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore