/ Altre notizie

Altre notizie | 21 novembre 2018, 08:00

“Così non va”, l’Association de défense et de préservation du front de mer fa le pulci al comune di Nizza

Chiesta la chiusura alla circolazione sulla Promenade ai veicoli diesel antecedenti il 2001 e lotta al rumore provocato dalle moto e alla velocità

Promenade des Anglais

Promenade des Anglais

L’Association de défense et de préservation du front de mer di Nizza ha cercato alleati invitando ad una riunione i comitato di quartiere della città per crescere la pressione dell’amministrazione comunale su alcune questioni che riguardano direttamente la Promenade des Anglais e le spiagge.

Una serie di rivendicazione, alcune delle quali per nulla inedite, per le quali sono aperti dei dossier in municipio, ma che, secondo l’associazione, meritano una accelerazione.

Innanzi tutto il traffico sulla Promenade che “si è ormai trasformata in un’autostrada”. Il comune ha chiesto al governo di declassificarla per poter vietare la circolazione ai mezzi pesanti, l’associazione chiede, come già avviene in 79 comuni francesi, che venga pure interdetta ai veicoli a gasolio antecedenti il 2001.

Guerra alle moto che producono troppo rumore, con richiesta alle autorità cittadine di dedicare maggior attenzione all’inquinamento acustico provocato dalle due ruote, così come è stato chiesto che le video camere vengano sistematicamente utilizzate per sanzionare chi viola i limiti di velocità, trasformando la Promenade, soprattutto nelle ore notturne, in circuito automobilistico.

Cenni anche alla presenza di numerosi SDF (come vengono chiamati in Francia i senza fissa dimora) che stazionano soprattutto nei pressi del Mac Donald o sulle spiagge. Secondo L’association de défense et de préservation du front de mer, Nizza è diventata “una città attrattiva per un turismo popolare”. 

Proteste anche per le varie maratone organizzate durante l’anno che costringono alla chiusura della Promenade per due giorni consecutivi con forti disagi a chi possiede autorimesse che si affacciano sulla strada a mare, la richiesta è quella di riservare una corsia della carreggiata nord per la circolazione dei veicoli dei residenti.

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium