/ Altre notizie

Altre notizie | mercoledì 09 gennaio 2019, 07:00

Nizza, le quattro grandi opere che caratterizzeranno il 2019

Nei prossimi mesi giungeranno a termine i lavori delle Ligne 2 e 3 del tram, la cucina centrale, la messa in sicurezza della Promenade e la halle della gare du Sud

"Tutti frutti", stazione di Ferber Ligne 2

"Tutti frutti", stazione di Ferber Ligne 2

Sono quattro le “grandi” opere pubbliche che caratterizzeranno il 2019 e che giungeranno a termine, dopo anni di lavoro, entro i prossimi dodici mesi.

Eccole, non certo in ordine di importanza.

Promenade des Anglais

I lavori di messa in sicurezza, di abbellimento e di realizzazione della pista ciclabile sono in fase di realizzazione. Entro l’autunno il tratto tra l’Ospedale Lenval e il porticciolo di Carras giungerà a termine così che la passeggiata a mare presenterà un’unicità architettonica e di arredo per tutto il suo percorso. Saranno posati i dissuasori bianchi e le funi anti intrusione e la pista ciclabile sarà divisa dallo spazio dedicato ai pedoni.  

Tram, Ligne 2 e 3

Con tappe diverse, ma tutte nei prossimi mesi, le Ligne 2 (Est – Ovest) e 3 (Plaine du Var) entreranno definitivamente in esercizio. A giugno toccherà al tratto Magnan – Médecin, tutto nel sottosuolo con il primo collegamento tra la Ligne 2 e la Ligne 1 del tram proprio di fronte a Nice Étoile. Seguirà, in autunno, l’attivazione della tratta tra Médecin e il porto così che la Ligne 2 sarà totalmente in esercizio e collegherà il Port Lympia con i terminal 1 e 2 dell’aeroporto. Infine, entro l’anno, anche la Ligne 3 inizierà la propria attività collegando, lungo al Plaine du Var, Saint-Isidore a Cadam.  

Halle de la gare du Sud

In primavera, dopo quasi cinque anni di interventi, termineranno i lavori nel quartiere Liberation che potrà luccicare di nuovo splendore. Dopo la Biblioteca Raoul Mille e la multi sala, sarà inaugurata anche la Halle de la gare du Sud che proporrà, su due piani, negozi, bar, ristoranti, discoteca, con tanto spazio alle golosità e ai prodotti del territorio. Si tratta, a piano terra, di 1.700 metri quadrati e, al primo piano, di altri 500 che consentiranno di usufruire di spazi commerciali e “gourmande” in un quartiere totalmente rinnovato e vivacizzato dalla presenza quotidiana del mercato.  

Nouvelle cuisine centrale

E’ l’opera, totalmente comunale, che ha richiesto il maggior investimento (30 milioni di euro) e che rappresenta il fiore all’occhiello per la città. Si tratta di una nuova cucina centralizzata, posta nella Plaine du Var, in grado di produrre 30 mila pasti al giorno destinati alle mense scolastiche, agli asili ed ai centri comunali e metropolitani. Una mensa centrale in grado di confezionare piatti anche per quanti soffrono di allergie, dotata di due centri di cottura, una zona dedicata esclusivamente ai legumi e un’altra alla pasticceria.  

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore