/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | 15 febbraio 2019, 08:00

"Christine Spengler. L’Opéra du monde” al Museo della Fotografia

Le sue fotografie della rivoluzione iraniana del 1979 o del bombardamento di Phnom Penh da parte dei Khmer Rossi nell'aprile del 1975 sono tra le più notevoli testimonianze di eventi contemporanei

La mariée libanaise, Beyrouth, 1996 © Christine Spengler

La mariée libanaise, Beyrouth, 1996 © Christine Spengler

Il Museo della fotografia Charles Nègre propone, fino al 26 maggio, la mostra "Christine Spengler. L’Opéra du monde”.

Christine Spengler è la figlia dell'artista surrealista Huguette Spengler, le cui opere sono esposte alla galleria Vivienne a Parigi. Di origine alsaziana, è cresciuta a Madrid. È stata segnata fin dall'infanzia dalle sue frequenti visite al Museo del Prado, dove è stata immediatamente affascinata da Francisco de Goya, autore dei “Désastres de la guerre”.

Decide di imparare il suo lavoro sul campo per diventare una corrispondente di guerra per difendere le cause giuste e le persone oppresse. Ha praticato questa professione fino al 2003 (Iraq). Le sue fotografie della rivoluzione iraniana del 1979 o del bombardamento di Phnom Penh da parte dei Khmer Rossi nell'aprile del 1975 sono tra le più notevoli testimonianze di eventi contemporanei.

Nel 1983, tornando in Alsazia, fotografa per la prima volta a colori i ritratti dei defunti, circondati da oggetti personali, perle e petali di rose ... Un modo, secondo lei, per abolire "il confine tra il vivo e il morto”.

Nel 1988, Christian Lacroix vede le sue foto e si innamora dei suoi colori, in particolare i suoi toni rossi. Secondo l’artista, il rosso, che ama così tanto, non è altro che il sangue delle guerre. Pubblica “Vierges et toréros” per le edizioni Marval nel 2000, fotografie accompagnate da scritti di Christian Lacroix.

Nel 2016, la Maison Européenne de la Photographie le dedica una grande mostra, L'Opéra du monde, e nel 2017 pubblica, un libro tributo a Marguerite Duras: la serie indocinese.

L'opera di Christine Spengler può essere letta come una successione di atti e scene che uniscono la storia intima della famiglia e la grande storia dei popoli e delle nazioni nelle guerre.

Autodidatta, Christine Spengler ha “lavorato” per più di 40 anni con un fervore quasi infantile e offre le chiavi di un mondo in cui il sublime prevale sempre sull'orrore, la vita sulla morte.

L'eclettismo dell'opera di Christine Spengler, è proposto dal Musée de la Photographie Charles Nègre attraverso una selezione di cento opere, dagli anni '70 ad oggi, scattate con la sua inseparabile Nikon.

Il Musée de la Photographie Charles Nègre, si trova nel Vieux Nice in Place Pierre Gautier.


Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium