/ Ambiente

Ambiente | 17 marzo 2019, 07:00

Già si pensa all’estate: grandi lavori sulle spiagge di Nizza.

Migliaia di metri cubi di ciottoli vengono depositati, in questi giorni lungo le spiagge. Un lavoro “al risparmio”, sono recuperati direttamente dal Paillon

Lavori in corso sulle spiagge di Nizza

Lavori in corso sulle spiagge di Nizza

La caratteristica delle spiagge di Nizza è quella di essere formate da ciottoli (i galets), lo si deve alla topografia della Baia, caratterizzata da fondali profondi vicino alla riva.

E’ questa la ragione principale dell'erosione naturale cui sono sottoposte le spiagge. Per aggirare questo fenomeno e assicurare condizioni di balneazione ottimali, la città di Nizza intraprende ogni anno l’arricchimento delle spiagge della costa, da est a ovest, a seconda della diminuzione di materiale registrato a partire dalla fine dell’estate.

A dicembre, 15.000 m3 di ciottoli provenienti direttamente dal Paillon sono stati depositati sulle spiagge ed ora vengono allargati e sistemati:  un risparmio di 1,2 milioni di euro rispetto al costo da sostenere in caso di acquisto.

Il "profumo di primavera" che si respira sulle spiagge, che sono già assiduamente frequentate, indica in ogni caso che la bella stagione é alle porte e che presto anche gli stabilimenti privati (alcuni dei quali non hanno mai chiuso) torneranno ad essere pienamente operativi.

L’operazione di arricchimento con i galets del Paillon, consente di rendere l'accesso alle spiagge adatto ad ogni tipo di persone e allo stesso tempo di ripristinare la capacità idraulica del Paillon e prevenire il rischio di inondazioni.

Sono in atto, poi, interventi su 10 frangiflutti uno dei quali, nei pressi del porticciolo di Carras, viene completamente ricostruito con nuovi blocchi che pesano da 3 a 12 tonnellate.

Interventi anche per migliorare l'accesso ai disabili alle due handiplages del Centenaire e di Carras.

Infine inizierà la sistemazione dei posti di soccorso, in previsione dell'avvio della stagione estiva previsto per il 15 giugno quando i pompieri inizieranno il loro lavoro di sorveglianza lungo le spiagge.

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium