/ Altre notizie

Altre notizie | 21 luglio 2019, 19:00

Nizza riconosciuta "Città d'arte e storia"

Importante atto del Ministero della Cultura. Sono 196 le località francesi che possono fregiarsi del riconoscimento

Cimiez a Nizza

Cimiez a Nizza

Nizza ha ottenuto il riconoscimento quale "Città d'arte e storia" da parte del Ministero della Cultura.

Creato nel 1985, il riconoscimento quale "Città e Paese dell'arte e della storia" è attribuito dal Ministro della Cultura, dopo il parere del Consiglio Nazionale delle Città e dei Paesi di Arte e Storia, a comuni o gruppi di comuni che si impegnano in una politica di sensibilizzazione degli abitanti, dei turisti e del pubblico giovane alla qualità del patrimonio, dell'architettura e dell'ambiente di vita.

Ad oggi, la rete di "Città e paesi di arte e storia" comprende 196 territori tra cui, nella regione Sud - Provenza Alpi Costa Azzurra, le città di Arles, Fréjus, Grasse e Menton, oltre al Pays d’art et d’histoire de Provence Verte Verdon.

Nel documento di attribuzione, che inseriamo al fondo di questo articolo, la decisione viene motivata in quanto “Nizza è una città che sta mutando aspetto ed é candidata per all'iscrizione nell'elenco del patrimonio mondiale dell'Unesco. Il label Ville d’art et d’histoire permetterà di accompagnare  la trasformazione del territorio (estensione della rete tranviaria, incremento della vegetazione in città) e la valorizzazione della ricchezza della sua architettura e del suo patrimonio e fornirà supporto ai residenti nella trasformazione degli edifici".

Il percorso per importante riconoscimento era stato avvito nel giugno 2017 con l’invio al Dipartimento di Arte e Cultura di un dossier che aveva ottenuto il placet del Ministero della Cultura nel mese di gennaio 2018.

Dopo la ratifica della candidatura avvenuta ad ottobre del 2018 da parte del Consiglio Municipale di Nizza, l’intero dossier é stato presentato nel mese di maggio di quest’anno.

Ora l’attribuzione ufficiale del label Ville d’art et d’histoire di cui Nizza potrà fregiarsi.

Files:
 Ministero della Cultura la nota (75 kB)

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium