/ Altre notizie

Altre notizie | 09 agosto 2019, 07:00

Tempo di furti, quest’anno sono di moda le carte senza contatto

Attenzione in spiaggia e nei luoghi affollati. I sistemi più in voga e i suggerimenti della polizia

Una spiaggia di Nizza

Una spiaggia di Nizza

Lo scenario è sempre lo stesso: un luogo affollato (come un bus o lungo la Promenade), una bella ragazza che chiede un’informazione e ci distrae mentre il nostro portafoglio cambia velocemente di tasca. Quando ce ne accorgiamo è ormai troppo tardi.

Oppure sulla spiaggia, una borsa o uno zaino lasciati sulla spiaggia, incustoditi, mentre facciamo il bagno. Passano dei giovani, uno ha un asciugamano in mano, gli cade, lo raccoglie, assieme con la nostra borsa.
Quando usciamo dall’acqua ci accorgiamo di quanto è accaduto, ma è ornai troppo tardi.

Agosto, spiagge e città affollata e ladri in azione.

La Polizia raccomanda di fare attenzione, ma i ladri (anzi pare che questo sia l’anno delle giovani ragazze per lo più provenienti dall’Est Europa) sono più abili e allenati.

Ultima novità dell’anno, quella più pericolosa e tecnologica.
Le carte di credito e i bancomat con la funzione “senza contatto”. In questo caso nemmeno “toccano” le nostre borse. E’ sufficiente coricarsi accanto (con le spiagge affollate avviene spesso) e, con un terminal portatile, verificare se nelle vicinanze se si trova qualche carta che non necessita della strisciata.

Se questa carta non è inserita nella custodia che la protegge e ne annulla gli effetti, con il lettore ci si collega e non i ci accorgere molto dopo, al momento della lettura dell’estratto conto, di quanto è successo. 

I consigli sono sempre i soliti: lasciare a casa i documenti originali e tenere con sé delle fotocopie, portare pochi soldi, proteggere con la custodia che ci è stata consegnata in banca (o che viene gratuitamente messa a disposizione da qualunque istituto di credito) le carte di credito “senza contatto” e se non è necessario lasciarle a casa.

Inserire negli zaini e nelle borse solo lo stretto necessario, chiedendo aiuto ai vicini quando si va a fare il bagno.
Sempre sperando che, mentre siano fuori casa, indesiderati ospiti non vengano a farci visita.

Anche in questo caso la polizia dà un consiglio: utilizzare la cassaforte dell’hotel o, se si è in un alloggio di proprietà, installarne una: costa senza dubbio di meno…

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium