/ Altre notizie

Altre notizie | 08 ottobre 2019, 07:00

Spiagge: rinnovate le concessioni, una pioggia di denaro

Il prossimo Consiglio della Métropole Nice Côte d'Azur assegnerà le concessioni per i 17 lotti in gara. Spiagge rinnovate, occhio all’ambiente e…25 milioni di euro di investimenti

Una spiaggia di Nizza

Una spiaggia di Nizza

Con una costa eccezionale, la baia di Nizza e le sue spiagge contribuiscono fortemente all'attrattività economica della quinta Ville de France.

La città di Nizza, che ha una tradizione di accoglienza e vacanza, in inverno quanto in estate, presta particolare attenzione alla qualità degli stabilimenti balneari e alle loro potenzialità.

Le spiagge insistono sul pubblico dominio marittimo, proprietà dello Stato e la procedura di attribuzione delle concessioni è prevista dalla normativa in vigore: il rinnovo dei contratti avviene ogni 12 anni.

Già da due anni i servizi della Métropole Nice Côte d'Azur, competenti per la gestione delle spiagge in concessione sulla proprio territorio, lavorano in collaborazione con i servizi dello Stato per percorrere tutte le tappe per giungere all’attribuzione delle nuove concessioni.

La procedura di aggiudicazione consentirà, al prossimo Consiglio metropolitano, di approvare le risultanze di gara e di assegnare 17 lotti (14 stabilimenti balneari e 3 basi nautiche).

I servizi hanno lavorato in totale riservatezza, per giungere all’obiettivo di assegnare con decorrenza 1 ° gennaio 2020 tutti i lotti per un periodo di 12 anni per le spiagge e 6 anni per le basi nautiche.

La Métropole Nice Côte d'Azur ha voluto attribuire massima importanza alla qualità dei progetti stabilendo standard di ospitalità, qualità, rispetto di un fragile patrimonio naturale richiedendone la salvaguardia, la valorizzazione e la protezione

Al termine di una procedura rigorosa, i candidati hanno presentato offerte di alta qualità, soddisfacendo i criteri, in linea con i requisiti richiesti dalla Métropole Nice Côte d'Azur.

La scelta dei candidati deriva dalla sintesi dei seguenti criteri di valutazione:

  • La qualità del progetto al fine di assicurare un'ottima accoglienza: la commissione di gara ha puntato sulla qualità delle attrezzature, sull'offerta di ristorazione focalizzata sui prodotti freschi, locali e biologici, sulle proposte in materia di sviluppo sostenibile. La gestione ottimizzata dei rifiuti, in particolare quelli della plastica, è stata particolarmente presa in considerazione al fine di ridurne l’utilizzo sostituendolo con materiali ecologici. Inoltre è stato valutato l’utilizzo di materiali legnosi sostenibili, la riduzione dei rumori e dei consumi energetici e gli interventi di sensibilizzazione nei confronti della clientela.
  • La capacità di investimento per trasformare questi luoghi in spiagge eccezionali: l'accento è stato posto sugli investimenti, sia in termini di natura che di importo, sull'accessibilità alle persone a mobilità ridotta e sulla riduzione degli inconvenienti nel corso degli interventi di adattamento.
  • Le proposte di vantaggi e benefit per la comunità metropolitana e il dominio marittimo pubblico;


Ora sarà il Consiglio Metropolitano, unica autorità competente a formalizzare le scelte, a procedere all'aggiudicazione delle diverse concessioni.

Risultati finanziari

  • Guadagno di 74 mila euro annui da parte del settore statale: il totale dei canoni annuali fissi a favore del dominio marittimo pubblico per le spiagge e le basi nautiche sarà di 457 mila euro.
  • Guadagno di 248 mila euro annui da parte della Métropole: il totale dei canoni annuali fissi del dominio pubblico metropolitano per le spiagge e le basi nautiche sarà di 757 mila euro.


Gli investimenti contrattuali ammontano a 25 milioni di euro di cui:

  • Investimenti: 17,7 milioni di euro;
  • Spese di manutenzione: 7,3 milioni di euro.   





Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium