/ Business

Business | 28 ottobre 2019, 13:00

Costa Azzurra, i consigli per un suggestivo itinerario in moto

Partendo dal Piemonte, è possibile godere anche delle bellezze offerte dalle Alpi Marittime fino ad addentrarsi in territorio francese, passando per il Principato di Monaco e la città di Nizza

Costa Azzurra, i consigli per un suggestivo itinerario in moto

La Costa Azzurra rappresenta una delle location più affascinanti e suggestive per un itinerario in moto, grazie alle particolari caratteristiche geografiche e paesaggistiche. Partendo dal Piemonte, è possibile godere anche delle bellezze offerte dalle Alpi Marittime fino ad addentrarsi in territorio francese, passando per il Principato di Monaco e la città di Nizza.

Come prepararsi al meglio per il viaggio

Un’escursione in moto, specie se particolarmente lunga, va pianificata con attenzione in maniera meticolosa. Naturalmente, le cure maggiori vanno destinate alla moto. Anzitutto il mezzo va lavato, in modo tale da poter meglio identificare eventuali danni o difetti. Fatto ciò, si passa a controllare lo stato delle componenti meccaniche ed elettroniche. In genere si parte dalle gomme: per viaggiare in sicurezza è necessario verificare l’usura e la pressione di gonfiaggio. Entrambi i parametri devono essere ottimali, altrimenti si rischia di pregiudicare la tenuta di strada della moto, l’aderenza al fondo stradale e la capacità di frenata. Altri controlli da fare riguardano il carburante, i liquidi lubrificanti e l’elettronica. Se al termine delle verifiche la moto risulta in condizioni tali da consentire un lungo viaggio in sicurezza, si può iniziare ad organizzare il tour anche dal punto di vista logistico.

A seconda del tipo di itinerario che si intende affrontare, può essere utile procurarsi una serie di accessori motocicletta adatti allo scopo. Prodotti di questo genere possono essere reperiti facilmente sia presso i negozi specializzati sia tramite gli store online dei rivenditori di settore, come ad esempio Omnia Racing. La gamma di accessori che possono essere utili per le escursioni in moto più lunghe vanno dall’abbigliamento tecnico (giacche, guanti, caschi) ad articoli più specifici, come le borse laterali o i cofanetti porta oggetti.

La fase preparatoria comprende, naturalmente, la definizione nel dettaglio dell’itinerario (luogo di partenza, destinazione, tappe intermedie, luoghi di sosta); non meno importante è il controllo della documentazione del mezzo (assicurazione e bollo). Quando ci si reca all’estero è bene controllare anche le norme relative alla circolazione, non solo per il pedaggio delle strade a pagamento ma anche per ciò che riguarda la validità della propria licenza di guida.

Itinerario in moto tra Alpi Marittime e Costa Azzurra

Un possibile itinerario tra le Alpi Marittime e la Costa Azzurra, tra il Piemonte e la Francia, può partire da Borgo San Dalmazzo, un piccolo centro non lontano da Cuneo, in cui è possibile ammirare l’antica porta del centro storico e il Memoriale della deportazione. La tappa successiva – in direzione sud, attraverso la Provinciale 20 – è Limone Piemonte, un piccolo paesino incastonato tra le montagne. Da qui si procede nella medesima direzione per raggiungere Panice Sottana, lungo la E74; a questo punto, per superare il Tenda si può optare per il tunnel o per il vecchio tracciato stradale che si sviluppa attraverso una lunga successione di tornanti.

Proseguendo verso sud, di strada si trovano alcuni centri abitati quali Breglio, fino a giungere a Mentone, un comune francese di quasi 30mila abitanti che rappresenta il punto di partenza del segmento ‘marittimo’ dell’itinerario. Da Mentone si procede verso il Principato di Monaco, tramite la D6007 che si snoda verso ovest; la tappa successiva può essere Nizza, la perla della Costa Azzurra dove non mancano le strutture ricettive per una sosta o un pernottamento. Da Nizza ci si lascia alle spalle il paesaggio di mare e ci si immerge nuovamente nei percorsi di montagna, risalendo verso nord: immettendosi sulla M14, in poco più di un’ora è possibile raggiungere Bollena, dove si può visitare un segmento residuo della Linea Maginot. La marcia prosegue verso settentrione fino a Colle della Lombarda, l’ultima tappa in territorio francese prima di rientrare in Italia passando per Vinadio, in provincia di Cuneo.

ip

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium