/ Sport

Sport | 11 novembre 2019, 08:00

Ligue 1: sorprese a raffica…Paris Saint Germain a parte

Dopo tredici giornate praticamente tutte le squadre (ad eccezione dei campioni di Francia) rinchiuse in un fazzoletto. Vince il Monaco e pareggia il Nizza

Nice - Bordeaux, una fase di gioco (foto tratta dal sito dell'OGC Nice)

Nice - Bordeaux, una fase di gioco (foto tratta dal sito dell'OGC Nice)

Il polso del torneo di Ligue 1, dopo tredici giornate e alla vigilia della sosta per le partite della nazionale, lo si ha scorrendo la classifica generale.

Praticamente tutte le squadre sono racchiuse in un fazzoletto di una decina di punti, fatta eccezione per il “solito” Paris Saint Germain che, pur senza stimoli e nonostante abbia subito tre sconfitte, “veleggia” con un vantaggio che praticamente appare già ora incolmabile.
Proprio la mancanza di stimoli, per i primi della classe, rappresenta l’unica incognita e consente, come la scorsa settimana, di assistere ad una sconfitta ad opera del Digione.

Poi, però, tutto torna alla normalità e la cavalcata riprende.
E’ il caso della tredicesima giornata, con i campioni di Francia che vanno a vincere a Brest, senza nemmeno faticare molto, smaltendo le tossine dell’incontro di Champions.

E’ come esistessero due squadre: il PSG di Champions, cattivo, solido, cinico e quello di campionato, disattento, discontinuo, ma concreto.

Alle spalle, pur senza che sia stata identificata con sicurezza una squadra precisa, si sviluppa un torneo a parte, quello per agganciare il secondo e terzo posto che assicurano la Champions e quello per il quarto  (con possibili opzioni per il quinto e sesto, a seconda di chi si aggiudicherà la Coppa di Francia e quella di Lega) valido per essere iscritti all’Europa League.

In una situazione come questa, la vittoria del Monaco, sul Digione e il pareggio del Nizza, con il Bordeaux, possono anche apparire beneauguranti, soprattutto in previsione del girone di ritorno, dopo il “mercato invernale” che dovrebbe vedere le due squadre fra le protagoniste.

Pareggiano due tra le squadre di punta di questa prima parte del torneo: il Lille contro il Metz e  l’Angers a Reims, mentre lo Strasburgo prende un brodino caldo battendo il Nimes.

Vincendo a Nantes, il Saint Etienne aggancia l’Angers a quota 21 punti: una notevole ricorsa, se si pensa che la squadra aveva conosciuto un disastroso  inizio campionato. Bella vittoria pure per il Montpellier sul Tolosa.

Nell'incontro clou di ieri sera, il Marsiglia battendo per 2 a 1 il Lione opera il sorpasso e si insedia al secondo posto in classifica generale, con 8 punti di distacco dal Paris Saint German.

Giovedì 6 novembre 2019 si sono giocati gli incontri della quarta giornata Europa League. Nel girone “E” il Rennes (ultimo in classifica) ha perso, in casa del CFR Cluj ed è matematicamente eliminato con due turni di anticipo, mentre nel girone “I” l’Oleksandria e il Saint Etienne ha pareggiato: la posizione dei francesi non è ancora matematicamente compromessa, ma appare molto precaria.

Ora il torno si fermerà per una settimana per dare spazio agli incontri di ammissione ad Euro 2020. La Francia, che guida il girone H a pari punti con la Turchia, incontrerà, giovedì 14 novembre, la Moldavia e domenica 17 novembre farà visita all’Albania.

La quattordicesima giornata vedrà, sabato 23 novembre, il Nizza impegnato a Lione, mentre domenica 24 novembre il Monaco viaggerà alla volta di Bordeaux.

Per i risultati della tredicesima giornata clicca qui

Per la classifica generale clicca qui 

Per il calendario della quattordicesima giornata clicca qui



Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium