/ Business

Business | 19 novembre 2019, 08:42

Fare Trading online: piattaforme bancarie o broker specializzati?

Sempre più utenti di ogni estrazione sociale si avvicinano al trading online, attività ormai accessibile praticamente a chiunque grazie alla moltitudine di piattaforme online e depositi minimi sempre più bassi.

Fare Trading online: piattaforme bancarie o broker specializzati?

Sempre più utenti di ogni estrazione sociale si avvicinano al trading online, attività ormai accessibile praticamente a chiunque grazie alla moltitudine di piattaforme online e depositi minimi sempre più bassi.

Scegliere quale intermediario utilizzare è la prima questione da risolvere per ogni aspirante trader. Le opzioni sono davvero molte, ma si riducono ad una primaria scelta iniziale: utilizzare piattaforme bancarie o broker specializzati?

Dare una risposta definitiva a questa domanda non è semplice poiché entrambe le parti hanno molto da offrire. Tutto si gioca quindi sulle esigenze particolari di ogni utente e ciò che si cerca nel momento in cui si decide di fare trading online.

Trading online: piattaforme bancarie

Seppur in ritardo, sempre più istituti bancari e finanziari si stanno munendo di piattaforme per il trading online, intuendone l’espansione verso sempre più categorie di persone.

Oggi queste piattaforme hanno compiuto incredibili salti in avanti, riuscendo ad offrire un ‘esperienza tutto sommato soddisfacente. Tuttavia i problemi non mancano di certo.

Prima però va analizzata la caratteristica principale di queste piattaforme. Essendo ancorate a delle banche, con sedi magari su tutto il territorio nazionale, hanno un tasso di sicurezza imparagonabilmente più alto rispetto alla controparte specializzata.

In caso di problemi si disporrebbe del servizio di assistenza della stessa banca e, inoltre, ci si può sempre recarsi direttamente in sede per parlare a tu per tu con un dipendente della banca. Un dettaglio per niente da sottovalutare.

Rimangono tuttavia piattaforme abbastanza indietro da un punto di vista tecnologico, con pochi strumenti veramente utili e con pochi asset su cui investire.

Caratteristica peggiore è poi la presenza di grosse commissioni. Su ogni investimento che viene fatto, la banca prende una percentuale mediamente anche abbastanza alta, il che non aiuta di certo un novizio con modesta liquidità.

Tirando le somme si tratta comunque di un buon servizio, dotato di un’elevata sicurezza e tutto sommato più che utilizzabile.

Tuttavia le onnipresenti commissioni respingono un’utenza non professionista, la quale rimane comunque poco convinta per via dei pochi strumenti offerti e i pochi asset disponibili.

Trading Online con Broker specializzati

Come seconda opzione, quindi, troviamo i broker specializzati. Sul web ne troviamo davvero una miriade e operare una scelta potrebbe risultare difficile per un novizio alle prime armi.

Va poi considerato che tra questa infinita sfilza di piattaforme, ne esistono una buona parte che non sono altro che truffe in piena regola.

Nonostante ad un primo inesperto sguardo possano sembrare normali piattaforme d’investimento, una volta depositati i primi soldi la verità viene subito a galla.

Per fortuna è tutto sommato facile scoprire quali piattaforme sono da tenere alla larga.

Esistono infatti molte autorità di vigilanza, il cui compito è proprio sorvegliare l’attività di queste piattaforme, segnalando i broker sospetti alle autorità giudiziarie.

Queste agenzie forniscono inoltre delle licenze per operare a tutti i broker che dimostrano di essere pienamente affidabili. Di conseguenza la scelta dovrà ricadere unicamente sulle piattaforme che possono vantare una o più di queste licenze.

Tra le autorità di vigilanza più importanti abbiamo:

  • CySEC: Cyprus Securities and Exchange Commission;

  • ESMA: Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati;

  • CONSOB: Commissione nazionale per le società e la Borsa;

  • FCA: Financial Conduct Authority.

Per ciò che riguarda i broker certificati e di rinomata sicurezza, essi presentano piattaforme tecnologicamente impareggiabili, facili ed intuitive da usare o con un’infinita gamma di asset su cui investire.

Inoltre, ognuna di queste piattaforme può vantare tantissimi strumenti peculiari da poter offrire. Per fare un esempio ci sono alcune piattaforme su cui è addirittura possibile copiare gli investimenti fatti dai trader professionisti in maniera automatica.

Altri sono invece più specializzati nell’offerta formativa. Guide gratuite di assoluto valore e continui segnali trading guideranno l’utente lungo lo studio di questa attività.

Muoversi nel mondo del trading online può essere a tratti complicato ed è necessario informarsi diligentemente prima di rischiare i propri soldi. Proprio per questo è molto importante seguire pagine come e-conomy.it su cui vengono continuamente pubblicate analisi e resoconti sul mondo degli investimenti.





Richy Garino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium