/ Eventi

Eventi | 01 dicembre 2019, 08:00

Una mostra permanente nella stazione Médecin della Ligne 2

Le opere sono state offerte dalla Galerie Sapone di Nizza e sono firmate da dieci artisti contemporanei.

La stazione Médecin della Ligne 2 il giorno dell'inaugurazione

La stazione Médecin della Ligne 2 il giorno dell'inaugurazione

Il 28 giugno, in occasione dell'inaugurazione della stazione della metropolitana "Jean Médecin" della linea del tram ovest-est di Nizza, Christian Estrosi aveva annunciato che altre opere si sarebbero aggiunte alle sculture in bronzo dell'artista Stéphane Pencréac'h.

Sono state selezionate 10 opere della Galerie Sapone, rappresentative non solo della Scuola di Nizza, firmate da artisti conosciuti e apprezzati.

Queste opere sono state donate da Paola Sapone alla città di Nizza e sono state esposte nella stazione sotterranea "Jean Médecin" ed inaugurate giovedì scorso : la mostra permanente si trova nel mezzanino posto tra le due banchine del stazione.

Sono esposte le opere di Martin Miguel, Max Charvolen, Vivien Isnard, Bernard Pages, André Villers, Serge Maccaferri, Noël Dolla, Louis Chaccalis, Alberte Garibbo e Nivèse.

La Galerie Sapone, situata in Boulevard Victor Hugo, è stata per decenni un punto di riferimento per l'arte contemporanea a Nizza grazie al suo fondatore Antonio Sapone, grande gallerista, amico delle arti e degli artisti, figura emblematica, deceduto il 26 settembre 2017.

Antonio Sapone aveva aperto la galleria d'arte nel 1972, non esitando a difendere i giovani artisti, che ha amato, seguendone i progressi.
Nel corso della sua vita, ha aiutato gli artisti acquistando opere o trovando loro contatti con collezionisti e musei.
Ha dedicato tutte le proprie energie e la propria vita, al servizio delle arti creative in Costa Azzurra.

Nel 2015 era stata inaugurata, lungo la Promenade du Paillon, una magistrale replica del David di Michelangelo alto sei metri, appartenente alla collezione Sapone.

Questa scultura in bronzo, realizzata dalle Fonderie d’Art Tesconi a Pietrasanta nel 1995, testimonia l'arte, in tutta la sua bellezza e armonia. Antonio Sapone, desideroso di prendere parte allo sviluppo dell'arte contemporanea e classica negli spazi pubblici di Nizza, aveva offerto alla città questa magistrale opera.



Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium