/ Altre notizie

Altre notizie | 08 dicembre 2019, 19:00

Un abete “insolito” di fronte al Negresco

A sistemare “le sapin des Anges” è stato un provetto bagnino nizzardo che si augura che i passanti si fermino un instante, ammirino l’albero addobbato con tanti oggetti diversi e lascino a loro volta un ricordo

Le sapin des Anges sulla Promenade

Le sapin des Anges sulla Promenade

Di fronte al Negresco, sulla Promenade des Anglais, vi è un albero di Natale: è diverso dagli altri.

Se lo si guarda bene verrebbe voglia di definirlo “confusionario” o almeno “insolito”: sui suoi rami, oltre alle palline colorate, vi è un po’ di tutto, persino il pilou, l’attrezzo indispensabile per cimentarsi nel tipico gioco nizzardo.

Per il secondo anno trova posto in uno degli angoli più suggestivi e fotografati di Nizza ed è a disposizione dei passanti che possono appendervi qualunque oggetto o lasciarlo a terra sulla Promenade dove già vi sono alcuni peluches.

Simboli diversi per testimoniare solidarietà e vicinanza alle vittime dell’attentato che, nel 2016, ha insanguinato la Promenade des Anglais.

Ad ideare “le sapin des Anges” è stato Louis Baudoin, un provetto bagnino nizzardo, che si augura che passanti, ciclisti, turisti e nizzardi si fermino un instante, ammirino l’albero addobbato con tanti oggetti diversi e lascino a loro volta un ricordo.

O scrivano un messaggio inserendolo nella buca delle lettere che è posta vicino all’abete.

Tutti i messaggi saranno consegnati al municipio e formeranno un’antologia di pensieri rivolti a chi cercava un momento di allegria in una calda notte di luglio ed ha perso la vita sotto le ruote di un camion lanciato a folle velocità contro persone inermi e innocenti.



Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium