/ Altre notizie

Altre notizie | 12 dicembre 2019, 07:00

Le luci di Gaspare di Caro trasformano la Gare du Sud

La performance luminosa visibile fino al 6 gennaio 2020. L’artista internazionale ha illuminato monumenti in tutto il mondo

L'illuminazione di Gaspare di Caro della Gare du Sud (foto Gaspare di Caro)

L'illuminazione di Gaspare di Caro della Gare du Sud (foto Gaspare di Caro)

Una fantastica illuminazione, quella che caratterizza la Gare du Sud e che potrà essere ammirata fino al prossimo 6 gennaio 2020: a firmare la performance l’artista internazionale Gaspare Di Caro.

Sostenuta dalla città di Nizza, l’illuminazione della Gare du Sud, nel quartiere di Liberation, è una delle tappe del circuito di luci desiderato dalla Fédération du Commerce Niçois et de l’Artisanat e da alcuni partners privati.

La trasformazione luminosa della Gare du Sud, uno dei punti di riferimento della vita cittadina oltre che un’importante testimonianza architettonica, contribuisce alla valorizzazione del patrimonio di Nizza.
Chi è Gaspare Di Caro?
Originario di Antibes, l'artista Gaspare Di Caro appartiene al movimento Locative-art.

La sua vena artistica trova quale riferimento l’Ecole de Nice ed i Nouveaux Réalistes: la tecnica, risalente al XV secolo ma decisamente moderna, consente all'artista di proiettare la luce su una superficie perfettamente definita, eliminando così il problema dell'inquinamento luminoso. Il suo obiettivo è anche quello di collegare la luminografia e il risparmio energetico. Per questo, Gaspare Di Caro ha sviluppato piccoli proiettori, a basso consumo energetico che possono essere utilizzati in modo permanente.

In particolare, Gaspare Di Caro ha “illuminato” la Fontana di Nettuno a Madrid (2004), la Villa Ephrussi Rothschild a Saint Jean Cap Ferrat (2007), la Fontana di Trevi a Roma (2008), la Cattedrale dell’Avana a Cuba per la visita di Papa Benedetto XVI (2012), il Cristo Redentore di Rio in Brasile (2016 e 2018). A Nizza, le facciate di 7 hotels della Promenade des Anglais (2016) e la statua dell'Apollon de la fontaine du soleil in Place Masséna (2017). La fotografia che pubblichiamo è dell’artista stesso.



Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium