/ Politica

Politica | 16 dicembre 2019, 07:00

Eletto al primo turno?

A marzo Nizza rinnoverà il Consiglio Municipale. Christian estrosi, non ancor ufficialmente candidato, potrebbe vincere al primo turno e fare man bassa di seggi in Consiglio. Il sistema elettorale e l’attribuzione dei seggi

Christian Estrosi

Christian Estrosi

A Nizza, come in buona parte delle località francesi, domenica 15 marzo (con eventuale ballottaggio il 22 marzo) si voterà per l’elezione del Consiglio Municipale.

Il sistema elettorale francese, per i comuni con popolazione superiore ai 1.000 abitanti, prevede che l’elezione del Consiglio avvenga al primo turno se una lista raggiunge il 50% dei voti validi espressi. Diversamente occorre ricorrere al turno di ballottaggio al quale sono ammesse le liste che hanno ottenuto almeno il 10% dei voti.

Nell’ipotesi di elezione al primo turno concorrono all’attribuzione dei seggi le liste che abbiamo ottenuto almeno il 5% dei voti, mentre in caso di ballottaggio la soglia è quella del 10%, cioè quella di ammissione al secondo turno.

L’attribuzione dei seggi (69 a Nizza, città superiore ai 300 mila abitanti) prevede che il 50% sia attribuito alla lista che ha vinto le elezioni e che il restante 50% dei seggi venga attribuito in forma proporzionale tra tutte le liste (che abbiano ottenuto almeno il 5% se l’elezione avviene al primo turno o che siano ammesse al ballottaggio in caso di secondo turno).

Premessa necessaria per comprendere quanto sta avvenendo a Nizza, città nella quale nel prossimo marzo Christian Estrosi concluderà il suo secondo mandato.

Un sondaggio pubblicato nei giorni scorsi da Cnews rivela che la lista cappeggiata da Christian Estrosi è accreditata del favore degli elettori per una percentuale che va dal 49% al 51%, notevole balzo rispetto ai precedenti sondaggi (39%) dovuto alla rinuncia a candidarsi da parte del Républicains Eric Ciotti.

Il fatto è che, ad oggi, Christian Estrosi non ha ancora ufficializzato la propria candidatura, data peraltro per certa alla testa di una lista rinnovata e particolarmente presente nella società civile.

Non è quindi valutabile il valore aggiunto che candidati di “peso”, molti dei quali alla prima esperienza, porteranno alla lista che pare avviata al successo al primo turno.

Anche perché, stando al sondaggio, ad inseguire il sindaco uscente è Philippe Vardon (Rassemblement National, estrema destra) accreditato del 17%, mentre al terzo posto, col 12%, si piazzerebbe la lista “verde ed ecologica” di Jean Marc Governatori.

A pezzi la sinistra tradizionale (al solito divisa) con Patrick Allemand (socialista) accreditato del 7% e quella "Viva”, vicina al PCF al 5%. Il rischio per queste due liste è di essere esclude dal Consiglio Municipale, lasciando alla sola lista “verde ecologista” la rappresentanza dei valori della gauche. Di qui l’appello di Allemand ad una lista unitaria che possa superare la barriera del 10%.

I dati del sondaggio appena pubblicato rappresentano, in ogni caso, un’importante base di ragionamento per comprendere come si svilupperà la strategia politica a Nizza nelle prossime settimane, in attesa che, terminate le inaugurazioni di varie opere pubbliche, Christian Estrosi annunci la sua candidatura e renda nota la lista di cui sarà leader.

Alcuni nomi di candidati (provenienti dal mondo della società civile e del volontariato), risulta a Montecarlonews, sono di tale peso da essere in grado di assicurare un valore aggiunto che potrebbe facilitare l’elezione al primo turno, in attesa che a Parigi venga presa una decisione relativamente a La République en Marche, la lista del presidente Macron.

Alcuni suoi esponenti, a titolo personale, già sarebbero inseriti nella lista di Estrosi, un forfait dei “macroniani” sarebbe un altro tassello verso l’elezione al primo turno di Cristian Estrosi che si potrebbe trovare, in consiglio municipale, alla testa di una pattuglia di 56/58 consiglieri municipali su 69!    


Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium