/ Business

Che tempo fa

Cerca nel web

Business | 17 dicembre 2019, 07:07

L’Italia e il mondo: i paesi d’arte e turismo

La storia e l’arte di cui gode il Bel Paese è uno dei motivi di maggior vanto per gli italiani da sempre

L’Italia e il mondo: i paesi d’arte e turismo

La storia e l’arte di cui gode il Bel Paese è uno dei motivi di maggior vanto per gli italiani da sempre. Siamo la nazione che nasce sulle fondamenta di uno degli imperi più grandi al mondo, quello romano, che ha inciso nella storia la sua potenza e la sua cultura.

Per questo motivo, se un turista è alla ricerca di arte e storia, lo Stivale è un ottimo punto di partenza con la Piazza dei Miracoli, il Colosseo, Pompei e Ercolano, il balcone di Giulietta e le mille e una attrazioni da scoprire da nord a sud.

Ma non per questo si deve pensare che il nostro viaggio alla ricerca della cultura si debba fermare alle Alpi: ogni paese, dal più antico al più recente, ha una storia da raccontare e una cultura da condividere. E se un tempo era difficile scoprire le realtà diverse dalla nostra a causa dei confini burocratici e geografici, oggi non è più così: il progresso tecnologico, la globalizzazione e la caduta di limiti burocratici ha permesso a sempre più persone di girare il mondo in lungo e largo e scoprire le culture agli antipodi rispetto alla nostra.

Se l’Italia racconta del Rinascimento e dell’Impero Romano, la Grecia ha qualcosa da dire per quanto riguarda la culla della civiltà moderna e del diritto. La Germania e l’est Europa portano ancora le ferite e le testimonianze di un periodo storico difficile e doloroso, mentre ogni paese ha una propria storia ricca di eventi ed edifici caratteristici.

Ma se l’Unione Europea ci sta stretta, dopo anni di viaggi nelle nazioni limitrofe alla nostra, possiamo andare a scoprire quei paesi diversi dal nostro. Con un passaporto e un visto, il quale può essere richiesto direttamente online con una manciata di click, è possibile visitare paesi come l’Egitto, con le sue immancabili piramidi e la Sfinge, oltre che tutte le altre nazioni africane che uniscono la cultura locale a quella importata a forza con il colonialismo.

Parlando di paesi coloniali, l’India è una delle realtà più amate dai turisti, grazie alla sua immensa cultura e spiritualità, ma lo stesso si può dire per la maggior parte dei paesi asiatici. Proprio dove si annidano le più grandi differenze rispetto alla nostra società, là si trovano maggiori capolavori artistici e reperti unici da scoprire.

Nessuno può togliere all’Italia il suo posto nel pantheon dell’arte e la storia e, sebbene sia importante e doveroso essere fieri del proprio passato e preservarne i reperti, questo non ci deve frenare dall’apprezzare e conoscere tutti gli altri paesi diversi rispetto al nostro.

Non è anti-patriottismo visitare i più grandi edifici religiosi del Medio Oriente, non è un reato studiare e conoscere il genocidio del Ruanda e non è eresia conoscere le differenze culturali che passano tra il nostro popolo e i mille altri che si trovano in giro per il mondo.

Se la diversità è ricchezza, solo unendo la storia e l’arte italiana a quella delle sue gemelle è possibile fare tesoro del nostro e loro passato.

Richy Garino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium