/ Eventi

Eventi | 28 dicembre 2019, 10:00

Carnevale di Nizza, prime novità

Non saranno più i ragazzi della Brigata di Agitatori delle Tribune ad aprire e chiudere le sfilate. Affidato l’incarico a Gilles Roche, la storica “voce” della manifestazione. Coinvolte le associazioni, le scuole e il volontariato nizzardo

La Brigata di Agitatori delle Tribune in azione

La Brigata di Agitatori delle Tribune in azione

Prima grossa novità per il Carnevale di Nizza “Roi de la mode” che si svolgerà dal 15 al 29 febbraio 2020.

Dopo tanti anni la BAT, la Brigata di Agitatori delle Tribune, formata da una sessantina artisti di strada che intrattenevano il pubblico prima e durante le Battaglie dei fiori e dei corsi carnevaleschi, non sarà più presente.

Lo ha deciso la direzione artistica del carnevale affidando a Gilles Roche, la “voce” della manifestazione, l’incarico di creare una nuova animazione per la manifestazione.

Gilles Roche è il personaggio conosciuto per la sua simpatica maniera di coinvolgere il pubblico urlando la classica frase: “Faites du bruit”, ma è anche il responsabile del gruppo Nice Kids party, società specializzata nell’organizzazione di parate.

La sua idea è quella di coinvolgere il variegato mondo nizzardo dell’arte e del volontariato, attraverso i gruppi folkloristici e di danza che si sono sviluppati in città.

Un’animazione “diversa” che, attraverso una serie di gruppi, coinvolgerà oltre al pubblico anche quanti sono in attesa di entrare nel circuito del carnevale e fanno la fila per poter transitare sotto i sistemi di sicurezza.

Un’ottantina di persone, tra i 16 e i 25 anni, provenienti dalle compagnie di danza e dalle associazioni nizzarde che animeranno il carnevale, ma anche e questo non pare secondario nella decisione, abbatteranno i costi.

Le prestazione della B.A.T., infatti, costava intorno ai 100 mila euro, giudicati eccessivi per prestazioni di meno di un’ora: la Brigata di Agitatori delle Tribune era costituita da un terzo di artisti professionisti e due terzi di dilettanti provenienti un po’ da tutta la Francia.




Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium