/ Altre notizie

Altre notizie | 27 gennaio 2020, 18:45

Corsa a prenotarsi alla cena più esclusiva: in cucina c’è Crippa, chef tre stelle per Prato Nevoso

Il cuoco albese, tra i numeri uno in Italia, protagonista lunedì 3 febbraio alla Baita Skigrill nella rassegna di Gustomontagna.

Corsa a prenotarsi alla cena più esclusiva: in cucina c’è Crippa, chef tre stelle per Prato Nevoso

Una serata da tre stelle. E’ quella che promette l’appuntamento di lunedì 3 febbraio con “L’eccellenza gourmet sale in quota” le cene con grandi chef organizzate dalla Prato Nevoso spa per arricchire il calendario degli eventi che la località monregalese promuove per confermarsi la stazione sciistica più cool del Nord Ovest.

E stavolta arriverà “The best”: Enrico Crippa, classe 1971 da Carate Brianza, premiato con le tre stelle Michelin per i piatti sfornati nel ristorante “Il Duomo” di Alba.

Come dire: il numero uno dei cuochi italiani – è stato tra l’altro anche il commissario tecnico della nazionale degli chef azzurri che nel 2018 ha partecipato al Bocuse d’or – e tra i primi ventinove al mondo. Bastano questi pochi dettagli per disegnare la cena di lunedì 3 febbraio come un appuntamento imperdibile per quanti amino la buona cucina.

La location prescelta per questa cena a tre stelle è lo Ski grill, chalet a 1700 metri di altitudine.  Nella sua cucina si esibirà Enrico Crippa. Top secret per ora il menu. Invece si sa sin da ora almeno alcuni dei vini che accompagneranno il menu: saranno targati Ceretto e Cascina Monsignore Podere del Vescovo, Arneis Blangè e Barolo. E non poteva essere diversamente visto che sono stati proprio i Ceretto – una delle case vinicole che hanno portato in giro per il mondo il nome delle Langhe - a ingaggiare quasi quindici anni fa Crippa per il ristorante nel cuore di Alba fornendogli tutto quel che serviva – a parte il talento che esisteva già – per scalare le classifiche del mangiare bene. Un’impresa perfettamente riuscita.

La prima stella è arrivata nel 2006, la seconda tre anni dopo e nel 2012 la terza, cioè il massimo della votazione per la Guida Michelin, ovvero la bibbia dei gourmet.

Merito dell’esperienza maturata prima alla corte di Gualtiero Marchesi e poi in giro per il mondo prima di scegliere le Langhe come nuova casa e palestra per i suoi successi culinari. “Siamo orgogliosi di avere Crippa tra gli chef del nostro evento – spiega Gian Luca Oliva -. Un nome destinato ad accrescere il prestigio della nostra rassegna culinaria nata con l’intento proprio di portare la cucina gourmet ad alta quota. Stavolta ci riusciremo ai massimi livelli”.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium