/ Altre notizie

Altre notizie | 19 febbraio 2020, 19:00

“Questo è il confine!”: é apparsa una sottile striscia verde sulla Promenade des Anglais…

Indica il limite delle spiagge private: da tempo molti chiedevano un controllo per verificare se i “plagistes” si fossero “spinti un po’ oltre” occupando qualche tratto di spiaggia che non era compreso nella loro convenzione

La striscia che indica i "confini" di una spiaggia privata a Nizza

La striscia che indica i "confini" di una spiaggia privata a Nizza

E’ comparsa una striscia verde in alcuni tratti della Promenade des Anglais: verde chiaro, ai più sfugge, ma la sua presenza indica il limite delle spiagge private rispetto a quelle pubbliche.

Era da tempo che molti chiedevano un controllo per verificare se i “plagistes” si fossero “spinti un po’ oltre” occupando qualche tratto di spiaggia che non era compreso nella loro convenzione.

Discussioni sotto l’ombrellone, indicazioni fatte col la mano, mostrando come gli stabilimenti fossero “cresciuti” quasi si trattasse di un bebè in fase di svezzamento.

Già nel 2018, Montecarlonews aveva raccontato di Gilbert Caty , un pensionato che dedicava il proprio tempo libero a controllare gli  spazi pubblici occupati abusivamente dalle spiagge private.

Gilbert Caty dopo aver, invano, chiesto l’intervento di controllo era  passato all’azione acquisendo, grazie anche al suo ricorso alla  Commission  Nationale d’Accès aux Documents Administratifs,  gli atti di concessione e aveva cominciato a misurare.

Poi aveva consegnato la documentazione alle autorità locali che gli avevano fatto sapere che le nuove tecniche si affidano alla geolocalizzazione. Il suo lavoro un risultato lo ha conseguito: la Direction Départementale des Territoires et de la Mer dopo aver annunciato controlli sull’occupazione di suolo pubblico da parte di gestori di spiagge private è intervenuta in modo molto chiaro, con una sottile linea verde dipinta sulla Promenade.

Dopo il suo intervento, due anni fa, erano già apparse delle strisce che delimitatavano le spiagge, ora l’operazione è stata ripetuta, proprio nell’anno in cui  molte spiagge cambiano gestore.
Come a dire: “Patti chiari…


Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium