/ Politica

Politica | 26 febbraio 2020, 18:00

Elezioni a Nizza: ultimo giorno utile per la presentazione delle liste. Secondo un sondaggio Estrosi ad un passo dalla vittoria al primo turno

In caso di ballottaggio, oltre al sindaco uscente, si affronterebbero la lista ecologista, ora seconda e quella dell’estrema destra. Disastro a sinistra, le divisioni rischiano di escludere la gauche dal consiglio

Seggio elettorale in Rue de France a Nizza

Seggio elettorale in Rue de France a Nizza

Domani, giovedì 27 febbraio, alle ore 18 terminerà la possibilità di depositare le liste elettorali in previsione delle municipali del 15 e 22 marzo 2020.

A poche ore dall’inizio ufficiale della campagna elettorale (che nei fatti impazza da tempo, almeno a Nizza e negli altri grandi centri delle Alpi Marittime),  Ifop-Fiducial, per conto di Nice Matin, ha condotto un ennesimo sondaggio che qualche esito “clamoroso” sicuramente lo prospetta.

Non su chi andrà a vincere le elezioni, ma sui piazzamenti alle spalle di Christian Estrosi e della sua lista.

Il sindaco uscente è dato al 49%, stabile, ma ad un solo punticino dalla conquista della mairie al primo turno, mentre, dietro di lui, avviene una sorta di rivoluzione.

Infatti la lista ecologista di Jean Marc Governatori, che approfitta del tema ambientale che si è impadronito di questo inizio di campagna elettorale, conquisterebbe il secondo posto col 14%, mentre scenderebbe al terzo posto, perdendo anche sotto il profilo percentuale rispetto ai precedenti sondaggi, l’estrema destra di Philippe Vardon.

Alle spalle di questo trio si dibattono le altre liste, ben al di sotto di quel 10% che consentirebbe di accedere (nel caso dovesse esserci) al ballottaggio.
Disastro annunciato per le due liste della sinistra che pagano le divisioni: Viva! (PCF, FI, Ensemble!, Génération.s) arriverebbe all’8% (utile per qualche posto in Consiglio solo in caso di vittoria di Estrosi al primo turno), mentre Patrick Allemand (Partito Socialista) non andrebbe oltre al 6%.

La stessa percentuale l’otterrebbe la lista di destra moderata di Benoît Kandel. Altre due liste non giungerebbero al 3%, con quella animalista che, dopo l’esito del sondaggio, avrebbe valutato il ritiro dalla competizione elettorale.

Il sondaggio ipotizza anche l’esito di un eventuale ballottaggio che si terrebbe il 22 marzo 2020.
Nell’ipotesi di una competizione a tre, Christian Estrosi sarebbe confermato alla testa del municipio col 59% dei suffragi, seguito da Jean-Marc Governatori col 23% e da  Philippe Vardon col 18%.








Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium