/ Ambiente

Ambiente | 27 febbraio 2020, 07:00

Da 62 anni non faceva così caldo: è dal 1958 che l’inverno non registra queste temperature

Secondo Météo-France la temperatura media è superiore di 2,6 gradi. Anche marzo ricalcherebbe la medesima falsariga, il freddo e la pioggia forse ad aprile

Alba sulla Collina del Castello a Nizza

Alba sulla Collina del Castello a Nizza

Bisogna tornare indietro di 62 anni, al 1958, per trovare un inverno altrettanto caldo come quello che stiamo vivendo ora.

Lo ha sottolineato l’osservatorio del Centre interrégional di Météo-France che si trova ad Aix-en-Provence: le temperature sono superiori di 2,6° rispetto a quelle normali.

Un esempio? Lo fornisce Météo-France: il 3 febbraio ad Ascros (a 1173 metri di altitudine) è stata registrata una temperatura di 21 gradi ed a  à Saint-Cézaire si sono raggiunti 24,8°.

I tre mesi invernali (dicembre 2019, gennaio e febbraio 2020) contrassegnati da scarsa piovosità hanno approfittato dell’alta pressione instauratasi nell’area mediterranea, mente una forte bassa pressione creava problemi nel Nord dell’Europa.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti: temperature primaverili, aria tiepida, fioriture anticipate…siamo  avanti di oltre un mese rispetto alla consuetudine.

Cosa ci riserverà il futuro?

Météo-France non si sbilancia, come è suo costume, ma prevede che anche marzo ed aprile ricalcheranno la medesima falsariga, anche se non si possono escludere episodi di freddo e piogge nel mese di aprile.

Insomma…Pasqua potrebbe costringerci ad aprire l’ombrello, ma anche questa non è una novità: la Settimana Santa non brilla quasi mai per saper regalare giornate eccezionali. Staremo a vedere.




Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium