/ 

In Breve

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

| martedì 03 luglio 2012, 13:40

170 anni di Riva: il commento di Antonella Cotta Ramusino e Andrea Dini

Condividi |  

Quello appena trascorso a Montecarlo è stato un intenso fine settimana di celebrazioni. Di stile, di mare, del made in Italy. La parola a due protagonisti della nautica

Intenso fine settimana di clebrazioni, in Costa Azzurra, dedicate al triplice anniversario dei 170 anni di Riva, i 90 anni di Carlo Riva e il mezzo secolo di una barca-icona dell'art de vivre e del made in Italy, l'Acquarama. Abbiamo chiesto a due protagonisti italiani del mondo della nautica, di condividere con MontecarloNews le loro sensazioni sull'eredità Riva e su cosa rappresenta oggi questo brand storico ed iconico del mare e dell'Italia. Queste le sensazioni di Antonella Cotta Ramusino, Design International Marketing and Communication RINA.

- Riva è un brand che ha fatto storia. Riconoscibile, per molte persone, al di là del tempo. Riva rappresenta qualcosa che segna la "riconoscibilità". 170 anni sono una storia che si ripete e che diventa sempre più reale. E' la vera testimonianza della creatività italiana con tutto quello che è arte: arte del saper fare, l'artigianato e la tecnica, in questo caso ai primi posti a livello mondiale -

Non poteva mancare anche un breve spaccato anche sul valore sportivo delle imbarcazioni Riva, commentato dal segretario generale della Federazione Internazionale Motonautica - UIM - Andrea Dini, che commenta così:

- Per quello che riguarda la nautica sportiva Riva ha segnato tappe ed episodi importanti. Essendo un cantiere di così lunga data ha vissuto anche tutto l'excursus di quello che è la motonautica sportiva. Ha iniziato a fare barche prima che la motonautica divenisse uno sport più completo e strutturato.

La nostra federazione esiste dal 1922. Riva nasce ben prima di questa istituzione ed ha segnato pagine importanti: si è parlato anche del famoso Acquarama Zoom con il quale Gianfranco Rossi, oggi presidente della Federazione motonautica monegasca fece un grande risultato nel 1972 alla Londra - Montecarlo. Che il prossimo anno sarà replicata.

E' un marchio storico, certamente legato anche ad un uso sportivo della barca di porto, perchè molto dinamica. In queste celebrazioni abbiamo assisitito anche ad un'importante partecipazione: si denota che questo marchio, definito iconico è uno dei marchi principali della nautica da diporto e spotiva. E di questo ne siamo orgogliosi -

 

Sara Contestabile

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore