/ Business

Business | mercoledì 21 marzo 2018, 08:00

Una rivoluzione nell’immobiliare: a Nizza un Salone innovativo

Si preannuncia interessante e “nuova” la dodicesima edizione del Salon de l’Immobilier che si terrà in Place Massena dal 23 al 25 marzo

Salone dell'Immobiliare di Nizza, edizione 2017

Salone dell'Immobiliare di Nizza, edizione 2017

Torna il Salone dell’Immobiliare, a Nizza, in un’atmosfera diversa rispetto allo scorso anno. La ripresa del settore immobiliare in Costa Azzurra (e in tutta la Francia), le previsioni favorevoli che vengono avanzate per i prossimi anni, la presenza di varie leggi che aiutano nell’acquisto e negli interventi di ammodernamento con l’obiettivo di rispettare l’ambiente rappresentano le basi sulle quali poggia la dodicesima edizione del Salon de l’Immobilier Nice-Matin che si terrà in Place Massena e nel Jardin  Albert Ier dal 23 al 25 marzo, dalle 10 alle 19.

Stand, molte conferenze, tanti esperti a disposizione del pubblico per spaziare un po’ in tutti i segmenti che compongono il settore: dalla fiscalità ai finanziamenti, dalle offerte innovative alle transazioni nelle zone centrali delle città. Con un occhio sempre più attento alle novità che il settore immobiliare propone, con acume, per adeguarsi alle esigenze di chi cerca casa, per abitarla o per investire.

Le esigenze diventano il comune denominatore, le fondamenta sulle quali “lavorano” gli esperti del settore: nuovi quartieri, posti auto, casa a misura della famiglia o del single, trasporti, fruibilità dei servizi.

La “differenziazione dell’offerta” diventa un elemento essenziale: non è l’agenzia immobiliare che propone il prodotto, ma lo stesso potenziale acquirente che “costruisce” la propria offerta, valuta le esigenze, esprime il “sogno”, sarà poi l’agente immobiliare a trasformarlo in realtà, compatibile anche con le potenzialità economiche, aprendo il ventaglio delle agevolazioni fiscali e del credito.

In un mondo che sta cambiando velocemente pelle, il dodicesimo salone dell’Immobiliare di Nizza si trasforma in una “scuola” sul futuro, consente l’accesso a conoscenze e informazioni utili anche per chi in questo momento nemmeno pensa ad un acquisto, ma che vive in una società che sta velocemente cambiando e in un settore che, essendo trainante per l’economia, anticipa i tempi proprio per continuare nel suo ruolo di locomotiva.

Con uno sguardo anche alle novità straniere, al sogno all’estero dei francesi che fino ad ora erano abbastanza recalcitranti nell’acquisto di una seconda casa oltre ai propri confini e che ora guardano con interesse in tre direzioni: Tunisia, Portogallo e Canada.

Anche questo è un  elemento del quale tenere conto, soprattutto da parte di chi non è presente nella classifica delle nazioni più gettonate, per comprendere gli errori, per convertire l’offerta, per dare impulso alla modernizzazione.  

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore