/ Eventi

Che tempo fa

Rubriche

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Eventi | martedì 26 gennaio 2016, 14:20

Le piace Mahler? Questo il tema del Festival Printemps des Arts a Monaco

La sfida di attirare nuovo pubblico, suscitandone la curiosità, è un tratto peculiare del festival monegasco che, anche per la prossima edizione, in programma dal 19 marzo al 16 aprile 2016

Musica come forma di comunicazione e occasione di ascolto. Il Festival Printemps des Arts si pone l’interrogativo di come rapportarsi al pubblico, cercandolo, incuriosendolo, talvolta stanandolo. La sfida di attirare nuovo pubblico, suscitandone la curiosità, è un tratto peculiare del festival monegasco che, anche per la prossima edizione, in programma dal 19 marzo al 16 aprile 2016, propone nuove formule di fruizione musicale al fine di favorire un ascolto mai scontato. In quest’ottica il festival oltre alle grandi sale da concerto include luoghi inusuali come appartamenti di privati - sulla scia dei salotti musicali ottocenteschi - o spazi non convenzionali (fabbriche, gallerie, musei, parchi) che per l’occasione vengono reinventati e ripensati come luoghi della musica, oppure ancora coinvolgendo gli ascoltatori nel viaggio a sorpresa.

La trentaduesima edizione è stata presentata martedì 13 ottobre dal direttore Marc Monnet all’interno della stazione di Monte-Carlo.  Tra i relatori figuravano il Ministro degli interni e della cultura del Principato di Monaco e Monte-Carlo Patrice Cellario che ha sottolineato l’importanza culturale del festival come progetto innovativo capace di sorprendere il pubblico e di valorizzare il territorio del Principato e l’artista Thierry Coduys tra gli ideatori del nuovo strumento di informatica musicale IanniX cui il festival dedica un’ampia sezione con performance e tavole rotonde.

Ad aprire e chiudere la conferenza stampa, incentrata sulla visione di un video che illustrava i tempi forti del festival, si sono esibite due artiste del programma 2016, la violinista Vera Novakova con un programma dedicato a Stravinskij e la pianista Marie Vermeulin, interprete di Debussy.

 

Il Festival Printemps des Arts 2016 offre programmi musicali suscettibili di differenti livelli di attenzione e di ascolto che spaziano dal repertorio classico alla contemporanea, dalla musica etnica a quella elettronica in cui ogni ascoltatore può scegliere il menu musicale che predilige. Grande spazio quest’anno è riservato ad una delle voci più significative del decadentismo tardo-romantico, il compositore e direttore d’orchestra Gustav Mahler, il cui ritratto, spalmato nelle quattro settimane del festival, è scandito dall’esecuzione dei Lieder e di 8 sinfonie affidate a quattro grandi orchestre tedesche, riunite per la prima volta a Monaco - Bamberger Symphoniker, Deutsches Symphonie-Orchester Berlin, NDR Radiophilharmonie, Radio-Sinfonieorchester Stuttgart des SWR - e all’Orchestra Filarmonica di Monte-Carlo diretta da Gianluigi Gelmetti, Daniel Harding e Kazuki Yamada. Inoltre, per tutta la durata del festival, sarà possibile visitare all’Auditorium Rainier III una mostra dedicata al maestro austriaco proveniente dalla Mediateca musicale Mahler di Parigi. Alla musica da camera è dedicato un ciclo di appuntamenti che vedrà l’esibizione di alcuni dei migliori quartetti del panorama europeo come Diotima, Tana e Signum, mentre la ‘finestra’ sulla musica etnica prevede musiche e danze bretoni. Con la sezione “La musica al tempo del Re Sole” si passa al fasto e alla grandiosità della musica barocca francese di Couperin e Lully e al virtuosismo della produzione clavicembalistica di matrice tedesca affidata allo specialista Andreas Staier. La Nuit du piano vede l’esibizione di due virtuosi della tastiera, l’austriaco Till Fellner e il russo Arcadi Volodos.

 

Non manca un “classico” del festival della Côte d’Azur che riscuote sempre larghi consensi: il “viaggio a sorpresa”. Il pubblico acquista un biglietto per partecipare ad un viaggio musicale nelle località limitrofe, che si svolgerà nell’arco di una giornata, senza conoscerne né la meta né il programma musicale.

 

Anche quest’anno il festival sostiene la musica contemporanea, con l’esecuzione in prima assoluta di un’opera commissionata dal festival alla compositrice Betsy Jolas in occasione del suo novantesimo compleanno e un workshop dedicato alla presentazione di Iannix, nuova piattaforma multimediale che elabora immagini e suoni e che trae ispirazione dalla produzione di Xenakis.

Parallelamente alla programmazione scorre l’azione formativa e didattica scandita da tavole rotonde, masterclass, e incontri con gli artisti del cartellone 2016 e concerti – “caravan musicale” - in città vicine al Principato a preludio del festival.

Le masterclass si terranno il 2 aprile (10.00-13.00) e il 6 aprile (14.00-17.00) presso l’Académie de Musique Rainier III tenute rispettivamente dal pianista Roger Muraro e dal clavicembalista Andreas Staier (ingresso libero fino ad esaurimento posti).

 

Fra le novità di quest’anno figurano due iniziative firmate Printemps des Arts: una radio in funzione 24 ore su 24 durante lo svolgimento della manifestazione monegasca che trasmetterà interviste e dirette dei concerti e l’inaugurazione di un’etichetta discografica con due incisioni dedicate a Stravinskij (Suite italienne, Duo concertant, Divertimento) e a Debussy (Pour le piano, Estampes, Les Etudes). Per l’ascolto della radio e l’acquisto dei dischi si consiglia di andare sul sito printempsdesarts.mc

I prezzi dei biglietti variano da 17 a 50 euro con possibilità di riduzioni per chi acquista più concerti; biglietti ridotti a 10 euro per giovani fino ai 25 anni ed entrata gratuita per i bambini fino ai 12 anni.

Modalità di prenotazione e di acquisto dei biglietti:

12 avenue d’Ostende MC 98000 Monaco, tel +377 97983290 ; info@printempsdesarts.mc; www.printempsdesarts.mc

 

Tour operator: Il Sipario Musicale, tel. +39 02 5834941; info@ilsipariomusicale.com

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore