/ Altre notizie

Altre notizie | 16 aprile 2020, 19:00

Nizza potenzia il servizio di rimozione dei veicoli

Lo ha deciso il Consiglio Municipale. Dal 1° settembre 2020 la gestione sarà della municipalità. Un sito internet per sapere se la propria auto è stata rimossa

Nizza potenzia il servizio di rimozione dei veicoli

Ogni anno a Nizza vengono rimossi dai 10 mila ai 15 mila veicoli che sono mal parcheggiati o che creano problemi alla circolazione.
Un numero destinato ad aumentare: il Consiglio Municipale ha infatti deciso che il servizio sarà gestito direttamente dai servizi municipali.

La rimozione dei veicoli è una componente essenziale per assicurare sia la rotazione nei parcheggi, eliminando i veicoli “ventouse”, quelli che da mesi stazionano nel medesimo posto senza che i loro proprietari li spostino e, forse, se ne curino e quelli che creano problemi alla circolazione o all’organizzazione di manifestazioni ed eventi.

Così il servizio di rimozione verrà potenziato, anche con la creazione di una nuova area di stoccaggio posta all’est della città, in una zona che fino ad ora ne era priva.

La data individuata dal Consiglio Municipale per il passaggio alla “gestione diretta” è quella del 1° settembre 2020, non essendo stato rinnovato il contratto con la ditta che attualmente lo gestisce.

Un occhio di riguardo sarà riservato alle voitures ventouses che secondo il municipio di Nizza sono oltre un migliaio in tutta la città: per loro la sosta è destinata a finire.

Confermato, invece, il ritiro gratuito dei veicoli che i proprietari intendono rottamare: basta chiamare il servizio di fourrière e verranno prelevati.

Ma come fare a sapere se il proprio veicolo è stato rimosso e soprattutto conoscere le modalità per poterne tornare in possesso?

Un sito internet dà tutte le informazioni e consente di sapere in tempo reale se la propria auto si trova stoccata in qualche area comunale, magari dopo essere stata rubata e successivamente abbandonata.

Il sito è anche in italiano, per collegarsi è sufficiente cliccare qui.

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium