/ Sport

Sport | 09 agosto 2020, 16:39

Formula 1. GP dei 70anni dai connotati imprevedibili, Verstappen beffa le Mercedes. Quarta la Ferrari del monegasco Leclerc

Il degrado gomme mischia le carte, regalando risultati al limite del clamoroso: giusto omaggio arrivato in una corsa simbolicamente celebrativa

Foto Ferrari

Foto Ferrari

Ci hanno pensato le gomme oggi, come successo sette giorni fa, a ravvivare il Gran Premio del 70esimo Anniversario della Formula 1 a Silverstone, dove tutto era cominciato.

Memori del finale pirotecnico di domenica scorsa, le strategie sono state impostate in funzione del degrado che ogni pilota doveva gestire, patire o controllare: ne è uscita fuori una corsa divertente, con le carte mischiate rispetto ai valori assoluti dei vari team.

La Mercedes ha sofferto il degrado gomme per tutta la corsa, sia con la mescola gialla che con quella bianca. Ne ha approfittato Verstappen, con una Red Bull in palla su entrambe le mescole, che ha dato fastidio alle frecce nero argento fin dalle prime battute e si è preso la vittoria con una sola sosta, davanti a Hamilton e Bottas che si sono dovuti fermare due volte, colpa di un degrado troppo alto anche in paragone a quello degli avversari, primo vero punto debole di Mercedes in questa stagione. 

Ottimo quarto posto di Leclerc, il monegasco che dopo il suo unico pit scopre di nuovo una Ferrari in buona forma (a corrente alternata la rossa se si pensa al rendimento dello scorso weekend ma anche a quello di ieri in qualifica) e riesce a stare davanti alla Red Bull di Albon, alle Racing Point e al resto della concorrenza partita davanti a lui. Dodicesimo e fuori dai punti Vettel con l'altra Ferrari, oggettivamente diversa e inferiore alla monoposto del monegasco. 

Il fattore imprevedibilità l'ha fatta da padrone, regalando risultati al limite del clamoroso: un bel modo per omaggiare i primi settant'anni della Formula 1.

Federico Bruzzese

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium