/ Politica

Politica | 28 settembre 2020, 09:00

Bilancio del turismo estivo di Monaco: risultati migliori del previsto

La clientela estiva era prevalentemente europea. Ci sono stati aumenti nei mercati vicini come Francia, Belgio, Paesi Bassi e Svizzera

Bilancio del turismo estivo di Monaco: risultati migliori del previsto

I rapporto turistico della stagione estiva è stato commentato dal Direttore del Turismo e del Congresso, Guy Antognelli con un'analisi mista: “Se i dati sono nettamente in calo, nel contesto sanitario che sappiamo, i risultati sono migliori del previsto ”.

A luglio, il tasso di occupazione degli hotel nel Principato era del 40% (rispetto al 79% nel 2019). Ad agosto ha raggiunto il 56,5% (contro l'80% del 2019) con giornate eccezionali oltre il 95% in alcuni stabilimenti. La clientela estiva era prevalentemente europea. Ci sono stati aumenti nei mercati vicini come Francia, Belgio, Paesi Bassi e Svizzera "prima che alcuni di questi paesi introducessero un principio di quarantena per i viaggiatori di ritorno dal Principato, proprio come ha stato applicato per altre aree colpite in Europa ”.

I clienti italiani sono rimasti fedeli al Principato, in numero minore, tuttavia presenti tra i primi 3 paesi, dietro Francia e Svizzera. La strategia adottata da tutti gli albergatori è stata quella di non svendere i prezzi di “Destination Monaco”, nonostante l'assenza di un gran numero di clienti ad alto potere d'acquisto, abituati alle suite, poiché Americani, russi e asiatici non potevano viaggiare. Unico polo locomotore attraente rimasto aperto, il Museo Oceanografico ha dovuto adattare la sua capacità di accoglienza a 700 visitatori contemporaneamente. Tuttavia, sta andando bene con un picco di 50.000 visitatori durante la prima metà di agosto (rispetto ai 60.000 nello stesso periodo del 2019).

Riguardo all'attività di turismo d'affari, Guy Antonelli ha chiarito che “il Governo non ha in alcun modo cancellato eventi professionali. Ha implementato protocolli sanitari secondo le misure adottate nel Principato di Monaco per limitare la diffusione del virus. Nonostante i loro sforzi, gli organizzatori di questi eventi hanno deciso di annullare, o per scelta di redditività economica o per mancanza di espositori. Per coloro che mantengono e continuano a fidarsi del Principato, il Dipartimento del Turismo e dei Congressi li sostiene quotidianamente, logisticamente ma anche finanziariamente, in particolare coprendo alcuni dei costi aggiuntivi legati all'applicazione delle misure sanitarie.
Infine, facendo riferimento alle informazioni relative al limite a 1.000 partecipanti per gli incontri, ha chiarito che si trattava di più persone presenti contemporaneamente nello stesso spazio. L'indicatore (che prima era 5000) è stato applicato sin dalla sua introduzione ad eventi pubblici, congressi ed eventi culturali che sono oggetto di un protocollo specifico per la convalida individuale indipendentemente dalle dimensioni interessate

rg

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium