/ Ambiente

Ambiente | 30 settembre 2020, 18:00

Costa Azzurra: alla scoperta del territorio. Roubion (Foto)

Montecarlonews propone luoghi, itinerari, passeggiate alla scoperta del Dipartimento delle Alpi Marittime. Le foto sono di Patrizia Gallo e Danilo Radaelli

Roubion nelle foto di Patrizia Gallo e Danilo Radaelli

Roubion nelle foto di Patrizia Gallo e Danilo Radaelli

Patrizia Gallo e Danilo Radaelli, con la passione della scoperta, ci conducono per mano alla scoperta di un piccolo villaggio (poco più di 100 abitanti), del Dipartimento delle Alpi Marittime che definire “gioiello” è riduttivo: Roubion.

Si trova a 1600 metri di altezza, nel parco del Mercantour, per raggiungerlo occorre fare una piccola deviazione (che merita davvero) dalla strada che conduce a Isola.

Il paese sembra un nido di aquila fieramente arroccato alla parete rocciosa che sembra vegliare sulla valle dall’alto dei suoi bastioni. D’impronta medievale, i vicoli scoscesi e i numerosi antichi passaggi con le volte conducono a un belvedere da togliere il fiato. Situato sulla Route des Grandes Alpes, Roubion offre anche una piccola stazione sciistica con 30km di piste.

Colpiscono subito, entrando nel villaggio, le porte delle case dipinte a mano, le fotografie degli abitanti di un tempo che raccontano di una vita dura, rurale, ma anche felice: tutto è curato e offerto allo sguardo di chi vi giunge con passione, senza affastellamenti, ma con sapiente amore.

Da vedere: i bastioni del XII secolo, la cappella di Saint-Sébastien (XVI secolo, riconosciuto monumento storico), la chiesa di Notre-Dame du Mont Carmel (XVIII secolo), il forno comunale, le meridiane, le colombaie e i vecchi fienili.

Un sito eccezionale ricco di storia: aggrappato alla rupe come un nido d'aquila, circondata da bastioni costruiti nel Medioevo, il borgo di Roubion ha sfidato il tempo.

Resti di mura e le porte del XII secolo e le rovine del castello, classificati, mostrano i conflitti tra Savoia e Francia. Salendo le antiche mura, che rimangono due torri rotonde su cui sono installati due panche, scoprirete una magnifica vista sul paese e sulle montagne circostanti.

Sotto il villaggio, la piccola cappella di San Sebastiano conserva affreschi risalenti al XVI secolo. Dalla piazza del paese, un ripido sentiero attraverso il tunnel che conduce alla frazione di Vignols, ex 'granaio' del paese, e alle fonti di Vionène.

Il comune fa parte del Parco Nazionale del Mercantour si trova a 74 km da Nizza nella Valle del Tinée: Le strade di accesso sono N202, D2205, D30.



Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium