Ambiente - 08 ottobre 2020, 09:00

Istituto Oceanografico di Monaco è il primo membro ufficiale della Coalizione Mondiale "Uniti per la Biodiversità"

Nell'attuale contesto di crisi sanitaria, appare più che importante che azioni di mobilitazione, protezione, educazione portino il pubblico a reagire alle drammatiche conseguenze della crisi della biodiversità.

Istituto Oceanografico di Monaco è il primo membro ufficiale della Coalizione Mondiale "Uniti per la Biodiversità"

In occasione della Giornata mondiale della fauna selvatica, il 3 marzo 2020, il Commissario europeo per l'ambiente, Virginijus Sinkevicius, ha lanciato una nuova Coalizione globale per la biodiversità presso il Museo oceanografico.

Attraverso questa campagna di comunicazione, la Commissione europea chiede una maggiore mobilitazione per proteggere la biodiversità, chiedendo a parchi nazionali, acquari, giardini botanici, zoo, centri di ricerca, musei della scienza e musei di storia naturale di unirsi le loro forze per aumentare la consapevolezza del pubblico della crisi della natura.

L'Istituto Oceanografico di Monaco è il primo membro ufficiale della Coalizione Mondiale "Uniti per la Biodiversità", aggiungendo la sua voce alle 16 organizzazioni e associazioni che già sostengono la carta della Coalizione e chiama i loro membri in tutto il mondo.

Nell'attuale contesto di crisi sanitaria, appare più che importante che azioni di mobilitazione, protezione, educazione portino il pubblico a reagire alle drammatiche conseguenze della crisi della biodiversità.

Insieme a SAS il Principe Alberto II di Monaco e alle istituzioni monegasche, al Governo del Principe e alla Fondazione Principe Alberto II, l'Istituto Oceanografico difende la biodiversità federandosi per la protezione dell'Oceano per farla conoscere, amare e proteggere .

L'Istituto oceanografico difende i principali programmi tematici come meduse, squali, tartarughe e per l'anno 2020-2021 le barriere coralline. Questi programmi multidisciplinari (mostre, eventi per il pubblico in generale, edizioni, conferenze-dibattiti, Monaco Marine Species Care Center, ecc.) Aiutano a sensibilizzare sulla fragilità degli ecosistemi marini così importanti per il sostentamento della vita.

Sua Altezza Reale il Principe Alberto II di Monaco ha detto a questo proposito al lancio della Coalizione:“Dobbiamo mantenere questo slancio e continuare questi sforzi di sensibilizzazione che ora sono più necessari che mai. Questo è ciò che tutti noi dobbiamo fare, poiché gli eventi politici chiave si avvicinano al futuro, in particolare la Conferenza oceanica delle Nazioni Unite, il Congresso mondiale IUCN e la COP15 della Convenzione sulla diversità biologica. , incontri che dovrebbero ispirare tutti noi ad agire, perché non possiamo permetterci di perderli. "La partnership tra la Commissione e l'Istituto oceanografico di Monaco è iniziata nel 2017 durante la Coalizione "Acquari mondiali #ReadyToChange to #BeatPlasticPollution", che ha riunito più di 200 acquari in 41 paesi per sensibilizzare rifiuti marini.Siamo più forti quando siamo insieme: oggi invitiamo tutti i nostri partner ad aderire alla Global Coalition "United for #Biodiversity": https://ec.europa.eu/environment/nature/biodiversity/coalition 

rg

Ti potrebbero interessare anche:

SU