/ Altre notizie

Altre notizie | 09 ottobre 2020, 07:00

Covid: per il Ministro della Sanità si assiste “ad un significativo miglioramento della situazione sanitaria a Nizza ”

I dati confortanti delle Alpi Marittime, il punto settimanale della situazione in Francia e il bollettino settimanale con tutti i dati della pandemia, le analisi, le analisi

Covid: per il Ministro della Sanità si assiste “ad un significativo miglioramento della situazione sanitaria a Nizza ”

Le buone notizie, ve ne era bisogno in questa tristissima e dura settimana, giungono a Nizza ieri sera per bocca del Ministro della Salute Olivier Véran che ha sottolineato come vi sia, nel campo della pandemia e dell’infezione da Covid 19, “un significativo miglioramento della situazione sanitaria a Nizza, Bordeaux, Rennes e Aix-Marseille".

Il Dipartimento delle Alpi Marittime registra un tasso di positività del 6,1% quasi due punti percentuali in meno dell’8% registrato 15 giorni fa e abbondantemente al di sotto della media nazionale che è al 9%.
I casi per centomila abitanti sono 86, rispetto ai 190 della Regione PACA: si avvicina quella “quota 50” che costituisce la barriera per uscire dalla zona di allerta.
Sempre nel Dipartimento delle Alpi Marittime sono ancora i giovani (dai 29 ai 39 anni) ad essere colpiti, in maggioranza, dal Covid 19, anche se l’età media tende ad alzarsi.  
Migliora anche la situazione negli ospedali dove i ricoverati affetti dal coronavirus sono 121 (di cui 18 in terapia intensiva o sub intensiva), mentre a livello regionale sono 850 di cui 182 in intensiva.

Contemporaneamente altre aree si trovano ora nell’epicentro della pandemia, si tratta di Lille, Lione, Grenoble e Saint-Etienne che “transitano” nella zona di massima allerta.

E’ l’effetto delle misure, anche draconiane, adottate nelle ultime settimane con stop alla vendita di alcolici nelle ore notturne e alla chiusura anticipata di bar e ristoranti.
E’ pure l'effetto del ritorno ad una situazione più “normale” della vita cittadina con la sensibile diminuzione dei turisti e del numero delle persone circolanti.

L’attenzione si sposta ora sulle case di riposo, qua e là si scoprono focolai di Covid, mentre una certa preoccupazione viene dalle zone colpite dal disastro dell’alluvione nelle scorse giornate e dove molte delle misure barriera sono saltate.

Ieri pomeriggio il Ministero della Salute ha pubblicato il consueto bollettino settimanale che riportiamo integralmente.
“Nella Francia continentale, la circolazione virale continua a un livello elevato. Il numero di casi confermati, le percentuali positive dei tamponi, soprattutto nelle persone con sintomi, stanno aumentando.
Il tasso di rilevamento, invece, sta diminuendo. È probabile che l'uso della diagnostica si sia evoluto nelle ultime settimane a causa delle forti pressioni sulla capacità diagnostica dei laboratori in diverse regioni e delle recenti raccomandazioni sul rendere prioritari i test. Le tendenze di questi indicatori dovrebbero quindi essere interpretate con cautela.
A livello ospedaliero, è in aumento il numero di nuovi ricoveri, inclusi ricoveri in terapia intensiva e decessi ospedalieri. Il numero di focolai rimane ad alto livello, e sono certamente sottostimati in un contesto di alta circolazione virale, a causa dei tempi di validazione e refertazione ma anche del calo del tasso di screening e quindi dell'identificazione di caso indice.
A livello nazionale, i nuovi ricoveri, i ricoveri in terapia intensiva per COVID-19 e il numero di decessi rimangono attualmente a livelli moderati rispetto alla situazione osservata nel periodo marzo-aprile 2020, ma l'aumento della circolazione del virus, in particolare tra gli anziani, fa temere continui ricoveri e decessi nelle settimane a venire. La massima vigilanza deve essere mantenuta con le persone a rischio, soprattutto gli anziani, data la fragilità di questa popolazione in cui si verifica il maggior numero di decessi per SARS-CoV-2.
All'8 ottobre 2020, 70 dipartimenti si trovano in una situazione di elevata vulnerabilità”.
La situazione all’8 ottobre 2020 è la seguente

  • Casi confermati: 671.638 (18.129 nelle ultime 24 ore);
  • Tasso di positività dei test: 9,8%;
  • Focolai: 1.296 (87 in più nelle ultime 24 ore) di cui 251 nelle case di riposo;
  • Decessi: 32.521 di cui 21.736 in ospedale (77 nelle ultime 24 ore);
  • Nuove ospedalizzazioni: 4.710 delle quali 891 in rianimazioni;
  • Dipartimenti in situazione di vulnerabilità: 70.

Il Ministero della Sanità francese ha pubblicato il consueto bollettino settimanale che contiene in modo analitico l’analisi e il rapporto dei dati sull’infezione alla data dell’8 ottobre 2020. Il bollettino è inserito in forma integrale al fondo di questo articolo.

Nel Principato di Monaco (due nuovi casi nelle ultime 24 ore) il numero complessivo delle persone che hanno contratto il Covid 19 è di 229. Tre le persone ricoverate in ospedale nell’ultima giornata, mentre 18 sono quelle seguite dai servizi sanitari al proprio domicilio.



Files:
 COVID19 PE 20201008 (5.8 MB)

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium