/ Ambiente

Ambiente | 11 novembre 2020, 18:00

Costa Azzurra: alla scoperta del territorio. Saint Paul de Vence

Montecarlonews propone luoghi, itinerari, passeggiate alla scoperta del Dipartimento delle Alpi Marittime. Le foto sono di Danilo Radaelli

Saint Paule de Vence nelle foto di Danilo Radaelli

Saint Paule de Vence nelle foto di Danilo Radaelli

In bicicletta fino a Saint Paul de Vence in compagnia di Danilo Radaelli per conoscere una delle località più affascinanti della Costa Azzurra.

Con l’aiuto del web ecco anche alcune notizie di Saint Paul de Vence.
Saint Paul de Vence è un piccolo e romantico villaggio medievale abbarbicato sulla montagna per sfuggire agli attacchi saraceni. Una località medievale, interamente pedonale, sorge alle spalle di Cagnes sur Mer, abbarbicato sulla montagna per sfuggire agli attacchi saraceni.

Le stradine lastricate di Saint-Paul de Vence, cinte dalla sua fortificazione e ricche di botteghe artigiane e di atelier di artisti, affascinano tutti coloro che si spingono fin quassù, lontano dai fasti modaioli della costa.

Con i suoi 40 abitanti questo villaggio racchiude piazzette romantiche, vedute spettacolari della valle, piccoli angoli di fascino provenzale e la Chapelle du Rosaire dipinta da Matisse. Fra le sue stradine, scalinate e fontane, troverete angoli di pura poesia, a patto di evitare gli orari di punta di cui gli autobus riversano orde di turisti a caccia di souvenir.

È il luogo dove vivono artigiani e pittori, da sempre meta privilegiata di artisti e intellettuali. Merita fermarsi una notte, quando il paese si svuota dai visitatori e il rumore delle cicale invade il silenzio della sera, indugiando fra una cenetta romantica nei localini del paese e una romantica passeggiata lungo le mura, da cui si gode una magnifica vista sulla vallata e fino al mare.

Da visitare almeno qualcuna delle 60 gallerie d’arte e botteghe artigiane che qui hanno dimora con giovani e anziani che giocano alla petanque sotto gli alberi frondosi nella piazza all’ingresso del villaggio.

La Fondation Maeght conserva un’eccezionale raccolta di opere di grandi artisti come Chagall, Giacometti, Mirò, Matisse esposte a rotazione oltre a mostre temporanee sempre di grande livello. Bellissimo il labirinto di Mirò, un sentiero che si snoda nel lussureggiante giardino del museo dove sono collocate le sculture dell’artista spagnolo.  



Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium