/ Eventi

Eventi | 12 novembre 2020, 18:00

La magica atmosfera del Negresco durante la Bella Époque, scopriamola con un clic (Foto)

Un magico album di fotografie scattate dal fotografo Jean Gilletta e il lavoro degli Archives de Nice consentono, stando a casa propria, la scoperta di un inedito ed affascinante Negresco all’inizio dello scorso secolo

Il Negresco nel 1913 nelle foto di Jean Gilletta, Archives de Nice

Il Negresco nel 1913 nelle foto di Jean Gilletta, Archives de Nice

Gli Archives de Nice hanno acquisito, da un libraio di Beauce, nel mese di ottobre del 2020, una serie di vecchie fotografie e cartoline e in particolare un magnifico album rilegato con vedute dell'hotel Negresco con immagini scattate del fotografo di Nizza Jean Gilletta nel 1913.

Questo album di fotografie consente di entrate nell'Hotel Negresco durante la Belle Époque, quando rappresentava uno dei massimi punti di riferimento per la Francia.

Le Negresco, mitico palazzo di Nizza
Maître d’hôtel con clienti facoltosi quali la famiglia Rockefeller, il rumeno Henri Negresco (1868-1920), negli anni '10, aspirava a costruire il proprio hotel di lusso, nel cuore della leggendaria Promenade des Anglais de Nice, su un terreno di 6.500 m² vicino alla Villa Masséna.

Affidò la progettazione dell'edificio all'architetto di origine olandese Édouard-Jean Niermans (1859-1928) – al quale si deve tra l'altro l'Hôtel du Palais di Biarritz, le trasformazioni dell'Hôtel de Paris a Monte-Carlo, l'ammodernamento dei saloni del Casinò Municipale di Nizza, del Moulin Rouge, del Casino de Paris e della brasserie Mollar di Parigi. La planimetria dell'hotel ricorda quelle del Grand Hotel de Madrid o del Ritz parigino.

Anche in un momento difficile è possibile dedicare qualche momento alla scoperta del Negresco immergendosi nell’atmosfera del 1913 e della Belle Époque grazie al web ed ai servizi culturali della città di Nizza.
Per farlo basta cliccare qui.

Il complicato accordo finanziario alla base della creazione della SICA (Société Immobilière Côte d´Azur) ritardò l'inizio dei lavori. La domanda di licenza edilizia fu presentata nel 1911 dall'imprenditore Pierre-Alexandre Darracq (1855-1931), figura di spicco nel settore automobilistico.

Il 4 gennaio 1913, il palazzo venne inaugurato con un cerimonia fastosa alla quale erano presenti diverse teste coronate. Tutti estasiati davanti al grande salone ellittico in stile Luigi XVI, alla luminosa rotonda, al pavimento in marmo di Carrara, al tappeto gigantesco da 300.000 franchi, agli arredi di Paul Dumas nelle 450 stanze.

L'hotel era moderno, per l’epoca: ascensore, comodi interruttori elettrici, aspirapolvere, autoclave a vapore, servizio di consegna della posta mediante condotta pneumatica che giungeva nelle camere.

Nel 1914, l'hotel fu requisito come ospedale militare e perse il suo splendore iniziale.

Questo album è quindi particolarmente interessante perché testimonia la sontuosità effimera del Negresco durante la Belle Époque.





Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium