Sport - 14 novembre 2020, 14:55

F1. Cose turche in qualifica a Istanbul, non si sta in pista: male la Ferrari, Leclerc 14esimo in griglia

Condizioni dell'asfalto, nuovo e senza grip già di suo, oggi peggiorate dalla pioggia. Peroccupante involuzione delle performances della rossa nel Q2, al netto degli handicap uguali per tutti

Foto Ferrari

Foto Ferrari

È successo di tutto sulla pista di ghiaccio di Istanbul, un asfalto nuovo, senza grip e inguidabile a detta dei piloti stessi, con una Ferrari piombata in difficoltà anche impreviste nelle qualifiche del GP della Turchia.

Perché se l'asfalto, che già ieri era stata una variabile impazzita, (lo sarà anche domani) e dove oggi tutti hanno patito la pioggia copiosa che ha reso il tracciato ancor più difficile da guidare e interpretare, la Ferrari, che aveva rischiato le eliminazioni in particolare del monegasco Charles Leclerc in un Q1 durato più di un'ora (interruzioni comprese), impatta con entrambe le monoposto nel Q2 dimostrando un'involuzione di performances al contrario di quanto di buono raccolto fino a quel momento al netto degli handicap uguali per tutti.

Scatterà dodicesimo Vettel, quattordicesimo invece Leclerc, in una gara che si prevede a eliminazione e ricca di colpi di scena. La speranza ulteriore alla quale si appoggerà la rossa è rappresentata da quelle risorse che nel Q2 non sono state sfruttate per puntare tutto sul Gran Premio. La risposta arriverà domani.

A partire in pole position sarà la Racing Point di Lance Stroll, che approfitta di questa rocambolesca lotteria per togliere a Mercedes la possibilità di fare en plein con tutte le partenze al palo stagionali. Classifica che potrebbe subire alcune variazioni con i tempi di alcuni piloti da verificare perché realizzati sotto regime di bandiera gialla al termine del Q1. 

Federico Bruzzese

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU