/ Altre notizie

Altre notizie | 16 novembre 2020, 16:20

Monaco: una nuova apparecchiatura per velocizzare i test al Coronavirus

Commissionato dal Governo del Principe lo scorso maggio su richiesta del sovrano, il dispositivo aumenta notevolmente il ritmo dell'analisi dei test, garantendo l'autonomia del Principato nello screening dei virus.

Monaco: una nuova apparecchiatura per velocizzare i test al Coronavirus

Il Principe Alberto di Monaco ha inaugurato oggi le nuove strutture del laboratorio ‘P3’, al Centro Scientifico. L'accesso al laboratorio è regolamentato e riservato a personale addestrato e autorizzato.

Il Principe, insieme al Ministro di Stato Pierre Dartout, ai Consiglieri di Governo Didier Gamerdinger e Patrice Cellario, al Delegato Interministeriale per la Transizione Digitale Frédéric Genta e con il Presidente del Consiglio Nazionale, Stéphane Valéri, il vice Direttore Generale di Roche Diagnostics France, Carlos Justiniani ed il Presidente del CSM Patrick Rampal, sono stati in grado di scoprire l'uso di una nuova piattaforma analitica per la biologia molecolare ad alto rendimento recentemente acquisita dal Principato nel contesto della crisi sanitaria, il ‘Cobas 6800’.

Commissionato dal Governo del Principe lo scorso maggio su richiesta del sovrano, il dispositivo aumenta notevolmente il ritmo dell'analisi dei test, garantendo l'autonomia del Principato nello screening dei virus. Al di là delle risorse aggiuntive e dell'efficienza offerte nella gestione della pandemia Covid-19, il laboratorio consentirà a Monaco di proiettarsi nel futuro perché l'obiettivo sarebbe quello di poter utilizzare questo moderno strumento nella lotta contro altre potenziali minacce per la salute.

L’apparecchiatura, fornita dalla Roche Diagnostics, eseguirà inizialmente 400 analisi al giorno. Ciò garantirà l'analisi della maggior parte dei campioni rinofaringei prelevati nel Principato, mentre gli altri campioni saranno forniti da laboratori privati ​​a Monaco. In concreto l’ospedale monegasco non dovrà esternalizzare le analisi e continuerà a crescere in capacità e potenza, potrà inviare tutti i suoi campioni al CSM.

“Questo strumento - ha affermato il ministro di Stato, Pierre Dartout - rafforza la mobilitazione di tutti i laboratori privati ​​e pubblici del Principato, che dall'inizio della crisi sanitaria lavorano instancabilmente per testare il più possibile. Da settembre abbiamo incrementato le nostre capacità di test. Oggi il Principato sta per diventare completamente autonomo in termini di screening. Questo ci consentirà di sviluppare una politica di screening ancora più ampia e rapida nelle prossime settimane”.

Per minimizzare il tempo tra il risultato di un'analisi e la sua comunicazione al paziente, la Delegazione Interministeriale per la Transizione Digitale ha sviluppato la digitalizzazione e l'automazione del processo. di test. Ciò dovrebbe consentire di ridurre del 50% il tempo tra il campionamento e la comunicazione dei risultati (12 e 24 ore rispetto alle 36 precedenti), ai massimi livelli degli standard internazionali.

La nuova attrezzatura dà anche una nuova dimensione al Centro Scientifico di Monaco, che ha orientato le sue missioni primarie per rispondere alla lotta contro il Coronavirus. Il CSM pensa anche all'era post-Covid e sta valutando nuove prospettive per le nuove apparecchiature che saranno utili per altri tipi di analisi, più convenzionali, come il papillomavirus.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium