/ Altre notizie

Altre notizie | 18 novembre 2020, 11:00

Con una base logistica in Costa Azzurra transitavano con chili di cocaina destinata a Genova: arrestati dalla Polizia

Si tratta di otto persone, per le quali sono stati disposti due arresti domiciliari e sette obblighi di dimora nei confronti di altrettanti soggetti indagati a vario titolo per importazione e detenzione a fini di spaccio d’ingenti quantitativi di cocaina che veniva smerciata al dettaglio

Con una base logistica in Costa Azzurra transitavano con chili di cocaina destinata a Genova: arrestati dalla Polizia

Erano passati dalla Costa Azzurra e dal confine con Ventimiglia e ora, grazie a un’indagine iniziata nel 2017 la Polizia, coordinata dalla direzione distrettuale antimafia della Procura di Genova, li ha arrestati.

Si tratta di otto persone, per le quali sono stati disposti due arresti domiciliari e sette obblighi di dimora nei confronti di altrettanti soggetti indagati a vario titolo per importazione e detenzione a fini di spaccio d’ingenti quantitativi di cocaina che veniva smerciata al dettaglio a Genova. L’indagine ha consentito d’individuare due fratelli che si occupavano dell’importazione di cocaina dalla Germania in Liguria, sfruttando i contatti che avevano ed utilizzando alcuni corrieri che, transitando attraverso la Francia dove c’era una base logistica in Costa Azzurra, trasportavano la droga a Genova e distribuivano la sostanza ad una capillare rete di spacciatori dislocata nel capoluogo ligure che provvedeva al suo smercio al dettaglio.

In particolare i due fratelli contrattavano con i fornitori l’acquisto della droga, provvedevano quindi ad organizzare il suo trasporto nel capoluogo ligure occultando la sostanza nelle auto utilizzate per il viaggio; altri soggetti identificati nel corso dell’indagine provvedevano allo smercio interponendosi tra i due fratelli e i pusher. Un altro canale di approvvigionamento era rappresentato da altre due persone alle cui dipendenze ce n’era una terza che si occupava della maggior parte delle consegne a Genova e riforniva di cocaina la rete di pusher che operavano in varie zone della città: è detenuto nel carcere di Marassi dal 29 maggio 2019 in quanto trovato in possesso di circa tre chili di cocaina.

I due fratelli rappresentavano un canale privilegiato per l’approvvigionamento di cocaina fornita agli altri che potevano contare anche su canali diversi, particolarmente significativa nella vicenda una coppia arrestata il due luglio 2019 a Genova perché era diventata un importante punto di riferimento dei due fratelli prestandosi sia a custodire la droga importata sia a svolgere il ruolo di corrieri per il suo trasporto in Italia.

Durante le investigazioni, supportate da intercettazioni telefoniche ed ambientali e servizi d’osservazione, erano già state arrestate diciotto persone in flagranza di reato, con gran parte dei provvedimenti restrittivi adottati nei confronti di chi riceveva la droga per l’immissione sul mercato. Nel corso delle indagini sono stati complessivamente sequestrati circa cinque chili di cocaina.

L’operazione ha consentito di disarticolare un fiorente e strutturato traffico di cocaina dall’estero all’Italia che produceva ingenti guadagni per gli indagati i quali, come emerso dalle attività d’intercettazione telefonica, erano intenzionati a reinvestire i proventi dell’illecita attività nel circuito legale: uno degli indagati, per esempio, intendeva avviare un’attività commerciale.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium