/ Business

Business | 04 dicembre 2020, 08:00

Obiettivo: salvaguardare il mare. La Métropole finanzia quattro start up

Svelati i vincitori della prima edizione del Blue Innovation Challenge, che mira a identificare soluzioni innovative nel settore marittimo

Obiettivo: salvaguardare il mare. La Métropole finanzia quattro start up

La Métropole Nice Côte d’Azur ha fatto dell'economia sostenibile del mare e della protezione delle coste una delle sue priorità e ha posto le nuove tecnologie e l'innovazione al centro della sua attività in questo settore.

Nel luglio 2020, la Métropole ha lanciato la prima edizione del Blue Innovation Challenge, che mira a identificare le aziende con soluzioni innovative nel settore marittimo, in particolare la gestione portuale, la protezione costiera, le biotecnologie e le energie marine rinnovabili.

Lo scorso settembre, un comitato di esperti, ha selezionato quattro startup tra le 17 proposte pervenute che saranno sovvenzionate per un importo di 50.000 euro per poter testare e sperimentare la loro innovazione nel territorio metropolitano.

Queste start-up beneficeranno inoltre di un sostegno e di un’ospitalità gratuiti per 12 mesi presso il Centro europeo per le imprese e l'innovazione CEEI, un incubatore di imprese della Métropole.

I vincitori

MyDataModels/Thales
Una partnership tra MyDataModels e il Gruppo Thales, il progetto BlueGuard consiste nella realizzazione di un sistema intelligente di sorveglianza delle attività subacquee nelle aree costiere sensibili. Il suo obiettivo è garantire una protezione permanente e affidabile del lungomare di fronte alla minaccia della comparsa di droni sottomarini. Questa soluzione innovativa si basa sulla complementarietà tra la comprovata esperienza di Thales nell'acustica subacquea e la padronanza delle tecnologie di intelligenza artificiale di MyDataModels.

Inalve
Questa startup sviluppa un processo di crescita e trasformazione delle micro alghe marine in ingredienti rinnovabili per il mercato dell'alimentazione animale e, in particolare, dell'acquacoltura. L’obiettivo è quello di allevare una serra pilota automatizzata nella pianura Var per la produzione di micro alghe.

Bioceanor
Bioceanor sviluppa prodotti e servizi innovativi per valutare la qualità dell'acqua in tempo reale. La soluzione aiuta ad anticipare i rischi di contaminazione batterica nelle zone destinate alla balneazione. Per effettuare il test saranno create stazioni subacquee situate in siti strategici alla foce del Var.

Seazen
La startup propone un battello solare al 100% per il mercato della nautica da diporto. Il progetto consiste nell'installare a bordo del battello dei multi sensori e dei dispositivi di acquisizione dei dati così da realizzare una barca totalmente autonoma sotto il profilo energetico.


Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium