/ Eventi

Eventi | 19 dicembre 2020, 10:00

Andar per gallerie: la Galerie Depardieu propone in questi giorni Jaques Renoir con “Eaux vives”

Christian Depardieu è immerso fin da giovane in una pozione magica di arte contemporanea e di jazz: non si limita ad esporre, favorisce anche gli incontri tra artisti, pubblica libri, propone tanta musica

La Galerie Depardieu propone in questi giorni Jaques Renoir con “Eaux vives”

La Galerie Depardieu propone in questi giorni Jaques Renoir con “Eaux vives”

C’è un’isola dove ritrovare la cultura, anche in questo mare di restrizioni: le gallerie d’arte sono infatti aperte (da fine novembre).

A due passi da Place Massena, in un curioso “passage”, tra la Promenade du Paillon e la via di negozi Gioffredo, c’è uno spazio di cultura e di arte contemporanea dove si può passare ogni tanto. Anche per caso. Per scoprire le ultime scelte di Christian Depardieu. Immerso fin da giovane in una pozione magica di arte contemporanea e di jazz, qui espone, fa incontrare artisti, pubblica libri, fa ascoltare musica; nuovi talenti o artisti già esposti al Moma, nomi molto locali o venuti da lontano.

Eccolo, davanti alla galleria, che nell’ottocento era un deposito al di là del Paillon e della città vecchia. In questo momento, e fino al 23 gennaio, al pian terreno c’è la mostra "Eaux Vives" di un artista di qui, Jacques Renoir (si, proprio della famiglia dei grandi artisti!). Con data da determinare, a fine gennaio, l’artista dedicherà il suo libro, già in vendita nella galleria. Mentre sua moglie, autrice di poesie e filosofa, leggerà un suo breve poema in sintonia con il limpido lago del Mercantour.  



Jacques Renoir da molti anni esplora il mondo con uno sguardo esperto da cameramen e da fotografo e nello stesso tempo con gli occhi curiosi di un bambino. Da sempre fotografo, per anni cameraman di registi famosi e per sette anni sulla nave del comandante Cousteau, questa volta si tuffa nell’elemento acqua. L’acqua nelle sue mille e una forma e soprattutto l’acqua in movimento. La sua sfida è di mostrare il movimento del cinema in una serie di foto. O addirittura nel dettaglio di una singola foto. 

Una trentina di foto, tra cui la serie di un limpido lago del Mercantour proprio mentre sta arrivando un acquazzone, una coppia sulla spiaggia della Promenade, un bambino sotto la fontana, riflesso nell’acqua di Venezia, nudo in piscina, "autodafé".


Per appassionati di arte, di foto e di acqua « viva » ( non di “acquavite”!).
 Un’altra mostra, di Silva Usta , “Donne Pioniere”, sarà aperta nella galleria sotterranea dal 17 dicembre.
La Galerie Depardieu si trova a Nizza in Rue Dr Jacques Guidoni 6.


Silvia Assin

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium