Sport - 09 gennaio 2021, 10:00

“Salviamo almeno i mobili!”, il nuovo stop alle stazioni sciistiche non lascia molte speranze!

Ad Isola 2000 e Auron si confida sulle vacanze di carnevale con 15 giorni di stop alle scuole, ma troppi dubbi non invitano all’ottimismo

Ski-rando ad Isola 2000

Ski-rando ad Isola 2000

In Francia per esprimere il concetto di “limitazione dei danni” si utilizza un’espressione molto bella ed esplicita “sauver les meubles”, salvare i mobili.

Ed è a “salvare almeno i mobili” che pensano i responsabili delle stazioni di sport invernale delle Alpi Marittime dopo l’ennesimo rinvio all’apertura delle impianti.

Si confida, ora, nel mese di febbraio e nelle vacanze scolastiche di carnevale che, da sole, rappresentano, per centri quali Isola 2000 e Auron, il 33% del gettito complessivo.

Già il 25% degli incassi se ne é andato via, sciolto come neve al sole, durante il periodo delle feste natalizie, ora il rischio è che gli impianti di risalita stiano fermi anche a febbraio, di fatto azzerando totalmente la stagione, almeno per quanto riguarda il comparto delle discese.

Una vera esplosione, anche sotto il profilo delle vendite, ha conosciuto lo sci da fondo ed anche quello delle passeggiate sulla neve con le racchette, ma senza impianti di risalita non si “aggiusta” un bel nulla e i mobili non si salvano.

Le perdite per Isola e Auron sono state di 2 milioni di euro, alle quali si vanno a sommare i mancati incassi di marzo dello scorso anno quando gli impianti vennero fermati all’esplosione dell’epidemia da Covid.

Ora è giunto, nemmeno si può dire inaspettato, un ennesimo rinvio e questa volta con un “almeno fino a febbraio” che offre ben poche speranze, proprio mentre i numeri delle infezioni sono in rialzo e vi è la necessità di limitarli al massimo anche per consentire una celere campagna di vaccinazione.

Così gli 800mila metri cubi di neve prodotta nelle due stazioni invernali, sommata a quella caduta in un’annata che sarebbe stata eccezionale, rischia davvero di sciogliersi nel suo stato naturale, bianca, immacolata, senza tracce di sci, lasciando il posto alle viole ed alle primule.


Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU